BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

ALLARME MALTEMPO/ Allerta meteo, piogge e nubifragi: paura in Sicilia, possibile ciclone sulle coste (7 novembre 2014)

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

(Infophoto)  (Infophoto)

ALLARME METEO, PAURA IN SICILIA: POSSIBILE CICLONE SULLE COSTE (7 NOVEMBRE 2014) - Nuovo bollettino della Protezione Civile in relazione all'emergenza meteo in Italia. Permane alta l’allerta su gran parte del Paese, in particolar modo al Sud. Nei pressi dello Stretto di Messina si è formato un ciclone simil-tropicale che si sta spostando verso est-nord-est e, poi, le coste sud-orientali della Sicilia. Come si può leggere dal comunicato, il centro del fenomeno atmosferico è posizionato sull’isola di Linosa e la sua traiettoria non è prevedibile. Stando comunque al suo movimento è possibile che il ciclone impatti sulla costa siciliana nel tardo pomeriggio, colpendo in particolare la provincia di Siracusa, Ragusa e Caltanissetta, ma non saranno esenti da contraccolpi anche i territori che fanno capo ad Agrigento e Catania. Ma quanto impatterà con la terraferma, il ciclone perdere di intensità. Vento forte, tempeste, mareggiate e innalzamento del livello del mare: è questa la situazione in Sicilia. La Protezione Civile, prevedendo l’arrivo della forte perturbazione, si sta preparando adottando tutte le misure atte a ridurre i rischi e i possibili incidenti sui territori costieri esposti.

ALLARME METEO, L'APPELLO DI NAPOLITANO (7 NOVEMBRE 2014) - “Non va trascurato che il ripetersi di eventi catastrofici, con pesanti e talvolta drammatiche conseguenze per le popolazioni colpite, per le infrastrutture e le ricchezze naturali, richiama tutti, e in prima persona gli amministratori locali, a una comune e solerte responsabilità”. È questo l’appello di Giorgio Napolitano ai sindaci italiani, in queste ore impegnati a difendersi dalle avverse condizioni meteorologiche che da 72 ore stanno tenendo in scacco l’Italia. Dopo essersi abbattuta sul Nord, la perturbazione ha raggiunto il Centro  e Sud Italia: le regioni maggiormente colpite sono Lazio, Campania, Calabria e Puglia (per le ultime due è l’emergenza è sul versante ionico). La nota del presidente della Repubblica è stata inviata all’Anci, L’associazione nazionale dei comuni italiani.

ALLARME METEO, LA SITUAZIONE IN ITALIA: UNA FERITA (7 NOVEMBRE 2014) - Emergenza in tutt’Italia per l’ondata di maltempo che da 72 ore sta tenendo in allerta la penisola. La situazione più critica è al Centro e Sud, dove le piogge sono abbondanti e incessanti. Capri, per esempio, è isolata completamente a causa delle fortissime raffiche di vento che soffiano da ieri sull’isola: oltre ai danni (che impegnano costantemente la protezione civile e i vigili del fuoco), l’impossibilità per traghetti e aliscafi di salpare. Le condizioni atmosferiche sono a dir poco proibitive anche in Calabria, dove pioggia e vento forte la fanno da padrona su gran parte del territorio regionale, in particolar modo la fascia ionica. Qui l’allerta meteo è a criticità rossa e le scuole sono rimaste chiuse a Catanzaro, Reggio Calabria, Crotone, Vibo Valentia e in molti altri centri delle rispettive province. Come a Capri, burrasche e mareggiate nelle zone costiere sullo Ionio reggino e catanzarese (oltre a allagate e alberi abbattuti). Situazione critica anche a Taranto e provincia: scuole chiuse a San Giorgio Ionico, Grottaglie e Monteiasi, Montemesola, Carosino, Roccaforzata, Monteparano, Palagianello e Castellaneta.

ALLARME METEO, CADE ALBERO A ROMA: UNA FERITA (7 NOVEMBRE 2014) - Continua a rimanere critica, in gran parte dell’Italia, la situazione meteo. La Protezione Civile tiene alta l’allerta maltempo annunciando precipitazioni intense nel corso della giornata odierna. In diverse regioni dello stivale sarà allarme rosso: bacino veneto del Livenza, Friuli-Venezia Giulia, Umbria, bacino toscano dell'Albegna, Lazio meridionale e parte del Molise, Calabria, buona parte della Basilicata, Puglia meridionale e gran parte della Sicilia. Rischi più contenuti (criticità arancione e gialla) nelle restanti parti del territorio italiano, nelle quali, comunque, non si abbassa la guardia, soprattutto a Carrara, dove la situazione sta migliorando. Scuole chiuse in numerosi comuni del centro-sud, mentre alunni regolarmente in classe a Roma (dopo la chiusura di ieri di tutti gli istituti di ogni ordine e grado), dove questa mattina un albero è caduto in strada ferendo lievemente una passante: l’incidente ha avuto luogo in piazza dell'Alberone, in zona Appia e la malcapitata è stata trasportata dal 118 all’ospedale San Giovanni.



© Riproduzione Riservata.