BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

CICLONE SICILIA/ Rientra l’allarme, ma il maltempo non abbandona l’isola: Eolie in emergenza (oggi, sabato 8 novembre 2014)

È passata la grande paura in Sicilia, ma il maltempo – sull’isola e sull’Italia meridionale – non dà tregua, anche se la situazione è in miglioramento. Ecco la situazione

(Infophoto) (Infophoto)

La Sicilia ha superato tutto sommato indenne, senza morti e feriti, l’arrivo del forte ciclone simil tropicale che nella serata di ieri si è abbattuto sulle coste dell’Isole, in particolar modo nei pressi di Siracusa, Ragusa, Catania e Messina. Le raffiche di vento hanno toccato addirittura i 50 nodi, spettinando la costa ionica siciliana. Fortunatamente, come già detto, si registrano soltante alberi e rami sradicati e insegne divelt; le prefetture delle quattro città non segnalano criticità particolari e a partire dalla mattinata la perturbazione si è affievolita, visto che si sta dirigendo in direzione della Grecia. In ogni caso la paura è stata tanta: mareggiate, burrasche, pioggia battente e raffiche violente. Ancora in allerta massima l’arcipelago delle Eolie: alcune isole che sono irraggiungibili da 4 giorni. Queste la parole del governatore Crocetta: “Rimane lo stato di emergenza e cautela, soprattutto a sud della zona di Catania e nella zona nord dell'area siracusana per la coda del ciclone”.

È passata la grande paura in Sicilia, ma il maltempo – sull’isola e sull’Italia meridionale – non dà tregua, anche se la situazione è in miglioramento. Alla mezzanotte di ieri è rientrato l’allarme meteo circa il passaggio del ciclone simil tropicale formatosi nel canale di Sicilia. Il fenomeno atmosferico ha visto fortissime raffiche di vento (fino 35 nodi) e piogge abbondanti sulla costa sud orientale. Il vortice, che prima aveva toccato Lampedusa (qui la tromba d’aria ha sradicato alberi e divelto insegne e altri oggetti, oltre a provocare fortissime mareggiate, le stesse che d’altronde si sono abbattute sulla costa siciliana sud-orientale) e Malta, si sta dirigendo verso la Grecia. Secondo quanto riporta la stessa Protezione Civile regionale non si segnalano danni di rilievo, anche se le condizioni avverse terranno ancora in scacco alcune zone in provincia di Siracusa, Ragusa e Catania. Disagi anche in Campania, Calabria e Puglia.

© Riproduzione Riservata.