BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Cronaca

I VIDEOGIOCHI SONO NOCIVI?/ Se anche Snowden giocava ai video game

Immagine di archivioImmagine di archivio

"Per la generazione di Snowden - dice infatti Greenwald nel suo libro -  i giochi elettronici hanno contribuito a modellare la coscienza politica, la moralità e la percezione del proprio posto nel mondo almeno quanto la letteratura, la televisione e il cinema. Spesso i videogiochi presentano complessi dilemmi etici da affrontare e stimolano il ragionamento autonomo, specie nei ragazzi che sono in quella fascia di età in cui cominciano a mettere in dubbio gli insegnamenti ricevuti".

Non so se questa sia la strada giusta per formare i cittadini di domani. Senza dubbio penso che non sia l'unica. E mi auguro che il contatto con le persone, il dialogo, il dibattito e talvolta anche una dialettica accesa possano esercitare un ruolo altrettanto importante, insieme alla lettura e alla voglia di essere informati per poter essere in grado di giudicare e di assumere una posizione chiara. Ma se, anche grazie ai videogiochi, avremo nella società di domani donne e uomini con una coscienza più forte, ben vengano i pomeriggi da soli o con gli amici davanti ai videogame.

© Riproduzione Riservata.