BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Cronaca

SCIOPERO GENERALE/ 12 dicembre: Susanna Camusso contro Lupi, precettare è atto gravissimo

Su richiesta del Garante, il ministro dei trasporti ha ordinato la precettazione dei lavoratori del comparto ferroviario in vista dello sciopero nazionale del 12 dicemnbre

Immagine di archivioImmagine di archivio

Per Susanna Camusso, intervenuta a Repubblica Tv, la decisione del ministro Lupi di precettare i lavoratori del comparto ferrovie, è una decisione gravissima. Una decisione, ha detto il segretario della Cgil, che non può essere stata presa da lui da solo perché è un atto grave: "La nostra risposta è in atto, con forme di protesta e denuncia. C'è la richiesta della revoca della precettazione. Se il governo la mantiene la rispetteremo, ma è atto grave. Stiamo valutando, non finisce lì perché secondo noi si viola la legge e un uso strumentale della legge".

A rischio grave i diritti dei cittadini tutelati dalla costituzione: così il ministro dei trasporti Maurizio Lupi in vista dello sciopero generale del prossimo 12 dicembre. Per tutelare dunque tutti i pendolari il ministro dichiara la precettazione per i dipendenti del servizio ferroviario. Era stato il garante a chiedere al ministro se era il caso di ricorrere alla precettazione dopo aver fatto notare che più volte era stato chiesto ai sindacati di escludere dallo sciopero i dipendenti del comparto del trasporto ferroviario, anche perché il 13 e 14 dicembre ci saranno altri scioperi del trasporto.  I sindacati però hanno detto di no, quindi la richiesta al ministero di intervenire. Lo sciopero come si sa sarà di otto ore a carattere nazionale proclamato da Cgil e Uil contro la legge sul lavoro e la legge di stabilità con oltre cinquanta manifestazioni in altrettante città, mentre a Torino parlerà Susanna Camusso e a Roma Carmelo Barbagallo della Uil.

© Riproduzione Riservata.