BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

IL CASO/ Perché i neo-fascisti sono terroristi mentre i No Tav non lo sono?

Pubblicazione:martedì 23 dicembre 2014

Immagine di archivio Immagine di archivio

Detto così non si spiegano le migliaia di seguaci. Ma bisogna immergersi nel bisogno di scopo esistenziale, senza Dio, oppure con un Dio inventato, ma sempre per dare scopo alla propria vita. Da dopo la prima Guerra Mondiale il fenomeno dello scontro fra fascismo e comunismo ha caratterizzato un secolo di vicende storiche.  Posso assicurare che c’era passione ed entusiasmo, la vita sembrava avere gusto e i progetti sembravano buoni. Ma l’esperienza ha mostrato la violenza  terribile che consegue alla pretesa di imporre un modello alla vita comune degli esseri umani.  

Dopo il fallimento storico le ideologie si sono progressivamente scarnificate, ne restano solo seguaci romantici, che sopravvivono solo perché si sono collocati da parte, in una vita asociale, parallela alla società esistente ma non partecipe di essa. 

Incontrare questi seguaci può essere una sorpresa per un giovane di oggi, come se fosse l’incontro con una sorta di eroi mitici. Ma un giovane deve porsi la domanda di scopo del vivere lasciando aperta la libertà delle culture e dei percorsi di tanti popoli e associazioni.  Questo è il problema di oggi: convivere con i tanti volti dell’umanità, senza pretendere omologazione, ma anche senza precipitare di nuovo nei fanatismi ideologici. 

Questa nuova destra eversiva è un pericolo per la democrazia italiana, tanto quanto sono un pericolo i soliti violenti della sinistra antagonista. Quando ne incontri dei seguaci a scuola, fra gli amici, ti viene da dire che sono astratti e superficiali, ma si deve tener conto dello schematismo, quella rigidità di posizione  che si vede per esempio in quelli che anche oggi lottano contro la scuola privata o per la salvaguardia dell’art. 18, questo schematismo non bada ai fatti, non legge le crisi presenti e non cerca il modo di produrre positività, costruzione sociale. 

Ecco dunque la questione: l’estremizzazione della critica sociale è una eredità vecchia, produce fuga dai fatti reali, mentre serve tanto lo stare nella realtà, assumersi la responsabilità di lavorare per il bene comune, con passione ideale. I giovani di oggi capiscono questo? 



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.  

COMMENTI
23/12/2014 - commento (francesco taddei)

perché il progetto criminale di gramsci sull'egemonia culturale è realizzato.