BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

NO TAV/ Se adesso i terroristi (pardon, sabotatori) ricevono un "aiuto" dai pm

Nuovi episodi di sabotaggio della linea ferroviaria ad alta velocità. Un gesto definito terroristico dal ministro Lupi, di sabotaggio dal premier Renzi. GIANFRANCO LAURETANO

Infophoto Infophoto

Il viaggiatore che in Italia sceglie le ferrovie ha vita dura, soprattutto da quando è iniziata la protesta no-tav contro la costruzione del tratto ferroviario ad alta velocità nella Val di Susa, vero e proprio catalizzatore di attivisti di tutti i tipi, da quelli civili e pacifici, come sono molti abitanti della valle stessa, agli attivisti più militanti e violenti, spesso concentratisi nella Valle da mezza Europa. Quattro di questi, protagonisti di attentati a suon di molotov risalenti al maggio del 2013, sono stati recentemente giudicati colpevoli di porto d'armi da guerra (in relazione proprio all'uso delle molotov), danneggiamento seguito da incendio e violenza a pubblico ufficiale, ma la Corte d'Assise presieduta da Pietro Capello ha sancito che non sussiste il reato di terrorismo contestato dalla procura. 

Questo significa che per Natale i quattro potrebbero essere a casa. Il ministro Lupi, pur non contestando la sentenza, ha dichiarato di sperare che la procura la impugni. Sarà coincidenza, ma proprio nel periodo prima e dopo questo pronunciamento episodi di sabotaggio della linea ferroviaria ad alta velocità o di mezzi di aziende che lavorano per essa, sempre a base di ordigni incendiari, si sono ripetuti più volte: il 2 dicembre a Firenze, il 16 a Torino, il 18 Milano, il 23 a Bologna. La connessione tra questi fatti sarà dimostrata o meno dalle indagini, così come l'esistenza di una strategia unitaria, ipotesi al vaglio degli inquirenti. Certo salta agli occhi la strana discussione su terrorismo/non terrorismo che è in corso in questo momento e che vede, tra i minimizzatori, il premier Renzi, il quale ha affermato che quello di Bologna "è solo un atto di sabotaggio". 

In realtà la distinzione è importante: proprio mentre vengono arrestati per terrorismo i componenti di un'organizzazione di estrema destra che su internet sembravano preparare attentati e azioni insurrezionali, chi va in giro con bulloni e molotov che arriva a far esplodere in luoghi di lavoro o di passaggio di treni, è "solo" un sabotatore. 

A qualcuno potrebbe sfuggire la sottigliezza di queste definizioni. Il fatto è che a spalleggiare i no-tav è un pensiero che raccoglie ideali ecologisti, anarchici, rivoluzionari di estrema sinistra ricongiunti e spalleggiati da intellettuali, docenti universitari, filosofi. Il caso di Erri De Luca, a processo a Torino per aver dichiarato in un'intervista che la Tav va sabotata, è solo uno dei tanti. Si tratta di una vecchia storia italiana: è l'intellighenzia radical che, per la lentezza delle dimostrazioni pacifiche e l'apparente inefficacia della contestazione democratica, teorizza il passaggio dalle parole ai fatti.