BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

IL CASO/ Figlie incinte a 13 anni, quando i genitori "dimenticano" la torta della nonna

Pubblicazione:venerdì 26 dicembre 2014

Studentesse bosniache (Infophoto) Studentesse bosniache (Infophoto)

A Natale ti arriva in casa l'ultimo caso di sessualità precoce e proprio non avresti voglia di conoscerlo. In Bosnia erano partite in 28 per la gita scolastica e quando sono rientrate, in sette — tra i 13 e i 15 anni — erano rimaste incinte durante la permanenza fuori casa. 

Una notizia così spinge a tirare la giacchetta dell'adolescenza un po' da tutte le parti. Più informazione sessuale. Meno informazione sessuale. Più formazione umana. Più espliciti nell'educazione sessuale. Meno espliciti. Più famiglia. Meno scuola. Meno famiglia più scuola. Scuole separate maschi e femmine. Meno contraccezione più educazione. Più contraccezione meno chiacchiere. Più libertà. Meno libertà. Più responsabilità. Troppa responsabilità. Più controllo. Meno controllo. 

Forse perché siamo a Natale, non voglio sbatacchiare anch'io queste ragazzine che stanno per diventare madri. Voglio fare un commento che invece di guardare la notizia e andare avanti, torna indietro. Voglio ricordarmi di una storia. È tempo di Natale, e una storia vera ci sta bene. Parla di un bambino e di un dolce speciale che la nonna preparava solo a Natale. Arriva Natale e arriva il dolce della nonna. Il bambino mangia la sua torta attesa tutto l'anno e all'improvviso si ferma che è quasi finita e scoppia a piangere. La nonna chiede: perché piangi? Piango perché ero distratto mentre la mangiavo: ora è finita e devo aspettare un altro anno. 

Ecco, io voglio parlare di questo divorarsi. Di questo abbassare la testa nel piatto del corpo e mandar giù quello che andrebbe gustato. Voglio parlare con quelle ragazzine la sera prima di salire sul pullman ma non voglio dir loro quando è bene fare sesso, né voglio dire con chi ne debbano parlare, se col genitore, la scuola, o il ginecologo. Vorrei parlare di cosa vuol dire fare sesso a 13 anni, seconda media, le elementari finite l'altro ieri che fino all'anno prima i tuoi genitori non ti mollavano se non eri al cancello di scuola. Ora, circa 500 giorni circa dopo, sei sessualmente attiva, fai l'amore e ti abbuffi, faccia nel piatto. Erano tutti pronti ad aiutarti, ad accompagnarti, ad amarti e custodirti fino a che non fossi pronta per fare da sola; perché il profumo dell'amore, la bellezza dell'attesa, l'abbondanza di un corpo ancora acerbo, non ti ha fermata e non ti ha reso capace di maturare e di non divorare?

Se parli con una donna che ha avuto una sessualità precoce, una donna che ora sa di essere donna e sa amare e sa vivere, quella donna ti dice che ricorda tutto. Non tutti i nomi, non tutte le volte, non tutti i quando, i come e i dove, ma ricorda tutto. Perché i ricordi non sono solo nella scatola della memoria ma sono anche dei segni che il corpo ha addosso e che ti diranno sempre che c'è qualcuno che è passato, ma che passando è rimasto.


  PAG. SUCC. >

COMMENTI
31/12/2014 - Si, no e ni. (luisella martin)

Trovo questo articolo bellissimo, direi splendido! Vale per le bambine di 13 anni, ma anche per le donne di venti, trenta, cinquanta, settanta ..."La grande abbuffata" mi pare fosse il titolo di un vecchio film; dopo la fame della guerra i nostri genitori hanno permesso che mangiassimo subito tutta la torta. Nasceva così l'era della emancipazione della donna che diventava libera di essere un oggetto, non "si" nè "no", ma "ni"!