BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SANTO DEL GIORNO/ Il 14 febbraio si celebra Sant'Antonino, patrono di Sorrento

Pubblicazione:venerdì 14 febbraio 2014

Immagine d'archivio Immagine d'archivio

Tra i prodigi di cui è accreditato Sant'Antonino, va ricordato quello tramandato poi oralmente, in base al quale avrebbe salvato un bimbo che era stato inghiottito da una balena mentre giocava sulla spiaggia cittadina. Richiesta di un intervento da parte della madre del piccolo, il santo si sarebbe infatti recato sulla spiaggia chiedendo ai pescatori di trovare la balena e condurla al suo cospetto. Quando ciò avvenne, il ventre della stessa fu quindi aperto, permettendo al bambino di uscirne vivo. Nel periodo che fece seguito al suo decesso, i cittadini di Sorrento decisero di erigere una basilica dotata di una cripta interna, proprio sul bastione che sormontava la cinta delle mura. A chiederlo era stato lo stesso Sant'Antonino, il quale aveva espresso il suo desiderio di non essere tumulato fuori o dentro le mura cittadine, ma all'interno delle stesse. Il culto della città campana per il suo patrono è testimoniato dai dipinti che caratterizzano la basilica e nei quali lo stesso viene ritratto in alcuni dei prodigi a lui ascritti, tra i quali la liberazione dal colera e dalla peste.



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.