BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

LETTERA/ Perché contrapporre Papa Francesco a Napolitano?

Pubblicazione:sabato 15 febbraio 2014

Giorgio Napolitano con papa Francesco (Infophoto) Giorgio Napolitano con papa Francesco (Infophoto)

Eppure, da altri punti di vista, caro Sindaco, la sua funzione è del tutto simile proprio a quella del capo dello Stato: anche lei rappresenta l'unità del Paese, riceve i diplomatici stranieri, ha funzioni di indirizzo politico e determina lo stato civile dei suoi cittadini (sposandoli in Comune).

Ma credo ci sia di più: riferendosi a Papa Francesco, di cui, mi creda, anch'io cerco di seguirne le orme (non i principi, ma tentativamente, Colui al quale anche il Santo Padre guarda), lei ha parlato di valori. Ed è giusto: nel suo magistero, Papa Francesco veicola valori e giudizi che riguardano la vita di ogni giorno; ma questi non sono contrari a quei valori che fanno parte del patrimonio della Patria, cui lei, nella funzione di Sindaco, non può sottrarsi: sono quei principi per i quali tanti nostri avi hanno perso la vita durante l'ultimo conflitto mondiale, e vengono ora testimoniati dai nostri militari nelle tante missioni di pace sparse in tutto il mondo.

Ricordo a lei e a me che tali principi fanno parte di quel patrimonio comune che i padri costituenti hanno voluto inserire a fondamento della nostra carta costituzionale. Mi permetta di darle un consiglio: li rilegga, forse troverà valori che oggi non vengono più perseguiti così tenacemente neanche dai nostri politici più importanti (e il riferimento a quanto sta accadendo in questi giorni non è puramente casuale), ma che dobbiamo difendere, nonostante loro, e perché no, nonostante noi stessi.

Auguri, caro Sindaco.



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.