BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

PAPA/ "Dacci l'amore quotidiano": Francesco e san Valentino, schiaffo al paganesimo

Pubblicazione:

Infophoto  Infophoto

Non proprio temi indimenticabili. Eppure il tutto aveva un certo fascino che deve aver anche catturato Bergoglio, concentrato, attentissimo, rapito quasi dalle testimonianze in lingue diverse e dagli interpreti musicali. Non so che è successo ma quando ha iniziato a parlare, rispondendo alle domande di tre coppie, la polvere leziosa e stucchevole che la ricorrenza aveva fatto cadere sull'evento è stata spazzata via. Prima di tutto quando ha svelato il trucco delle questio preparate e inviate in anticipo in modo da farlo trovare "preparato". Come se ce ne fosse bisogno. 

Su quanto poi detto, voglio solo invitare tutti, fidanzati, sposati, ammogliati, divorziati, scompaginati, celibi e nubili, zitelle e consacrati a trovare il modo di leggere le risposte di papa Francesco. Darò giusto qualche assaggio, per far venire l'acquolina. Amarsi per sempre? Chiedono due terrorizzati fidanzatini in spagnolo. E Bergoglio risponde: oggi tutti dicono "stiamo insieme finché dura l'amore, e poi? Tanti saluti e ci vediamo" (magnifica sintesi delle relazioni sentimentali ai tempi di Facebook e Smartphone) ma l'amore è relazione, una realtà che cresce, in cerca di stabilità. E ancora: il per sempre non è solo una questione di durata, ma anche di qualità. E per farlo durare, questo amore, bisogna pregare insieme. Lui per lei e lei per lui. Chiedere insomma a Gesù di moltiplicare l'amore come ha fatto con i pani e i pesci. E poi il colpo di genio o di Grazia. "Dacci oggi il nostro amore quotidiano" la versione matrimoniale del Padre nostro, coniata da Francesco ad uso e consumo di coppie scoppiate. Insomma insegnaci ad amarci, a volerci più bene. Bellissimo riferire quanto di più umano possono sperimentare l'uomo e la donna nella loro fisicità al Divino che si fa pane e consuetudine. 

Ad altri due giovani promessi il papa ha svelato la regola del matrimonio: "permesso", "grazie", "scusa". Tre paroline per un amore che non si impone con durezza e aggressività, che deve sempre mantenere viva la percezione del dono e della gratuità, e che finalmente smentisce le baggianate alla Love Story che hanno segnato intere generazioni (mi riferisco alla frase da baci perugina "l'amore significa non dire mai mi dispiace"). E poi l'ultimo consiglio, già sentito, ma ripetuto con mimica efficace. Lanciatevi pure i piatti, ma finite la giornata in pace. Il segreto per un amore e un matrimonio che dura. A me è venuta voglia di sposarmi. Devo solo pregare san Valentino. 

< br/>
© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.  


COMMENTI
15/02/2014 - Che bello! (luciano dario lupano)

Non vorrei sbagliarmi ma penso che fossero tutti Impiegati Pubblici, tranquilli e sereni e pieni d'amore; escludo ci fossero disoccupati o quant'altro! E' tutto un Amore, forse, quando hai la pancia piena....