BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

BABY SQUILLO/ Mussolini-Floriani, non spetta alla giustizia cercare la vendetta

Alessandra Mussolini (Infophoto) Alessandra Mussolini (Infophoto)

Il suo pensiero, i suoi atti pubblici possono essere messi in dubbio dalle scorrettezze, o dai reati, dai peccati del coniuge?  Era il caso far notare che oggi i suoi figli non sono andati a scuola, che i telefoni di casa sono restati comprensibilmente muti? Si attendono le prossime vignette di Vauro, il sarcasmo di Crozza, che di solito ostentano rispetto per le persone solo se stanno dalla parte loro. Si attendono dalle riviste di gossip confessioni in piazza, particolari piccanti, sceneggiate e zoommate dal buco della serratura.

Attendiamo invece conferme non solo ufficiose da parte della magistratura, e soprattutto di capire perché, tra i 22 nomi "illustri" di chi frequentava le baby squillo dei Parioli, sia saltato fuori solo quello del capitano Floriani, e gettato in pasto alla stampa. E dicono che bisogna fidarsi della giustizia, che non è affatto politicizzata. 

Onorevole Mussolini, coraggio. Come donna, come moglie come madre, come politico. In giorni di insostenibile retorica sulle donne, in giorni di perdute rivendicazioni sulle quote rosa, la solidarietà vera, la comprensione, la condivisione, il sostegno delle donne sono per lei.

© Riproduzione Riservata.

COMMENTI
13/03/2014 - Tutta la mia solidarietà (Francesco Giuseppe Pianori)

Tutta la mia solidarietà alla Sig.ra Mussolini. E' vergognoso quello che le sta succedendo per opera di gente vile, che non ci mette nemmeno il nome e la faccia. Alla faccia della Giustizia italiana! Ogni persona ha diritto a vedere tutelato il suo buon nome fino a quando non è provata la sua colpa ed anche allora la giustamente famosa civiltà del diritto italiana non può esimersi dal rispetto della dignità umana, pena il tornare alla giustizia pre-romana o peggio hitleriana e staliniana, dove tutto era subordinato alla convenienza del partito al potere. Prego per lei e per la sua famiglia. Prego anche per la Magistratura e i sempre fedeli Carabinieri, perché non prevalga una deriva liberticida nel loro operare.

 
13/03/2014 - il senso minimo della morale (Claudio Baleani)

Su certe cose non si scherza. Il nome di Floriani non doveva uscire e chi lo ha rivelato e pubblicato è una persona schifosa al pari di chi lucra sulle minorenni e sulla pornografia, visto che si tratta di una notizia "sugosa" per via della moglie di Floriani. Quanto alla Mussolini, io non capisco come si faccia a metterla in lista. Non ho capito nemmeno come si fa a votare e mettere in lista le sue detrattrici, come la tale che faceva la presidente della Regione Umbria: impresentabile. Ma il rispetto e il senso della dignità della persona è un'altra cosa e va rispettato in tutti i modi. Compreso quello penale.