BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

PAPA/ Il male peggiore della Chiesa di oggi? Sta in certi preti...

Infophoto Infophoto

Un processo non facile di "discernimento" stabilirà se si è trattato di un equivoco o di un'azione di Dio, ma è certo che nell'incontro tra la libertà di quei ragazzi e l'invito del Signore si gioca la bellezza e la santità della Chiesa. Non deve essere facile stare accanto a quelle anime, e non invidio il mio giovanissimo amico rettore, che ha un compito da ansia e tremarella. E non bastano neanche due gocce di Rivotril per domare l'affanno e il senso di soffocamento che ti prendono quando provi a metterti nei panni di chi deve accompagnare questi giovani uomini sulla strada dell'ordine, sulla via che farà delle loro vite doni d'amore nel nome di Cristo. Se poi si presta attenzione anche al resto della riflessione papale si prenota direttamente un ciclo completo di psicoterapia comportamentale per abbassare il livello di stress. Perché chi dovrà pensare a fare di quei ragazzini dei buoni preti non potrà non tener conto del fatto che Francesco ha alzato l'asticella. 

Il sacramento che abilita all'esercizio del ministero affidato da Gesù agli Apostoli richiede di pascere le pecorelle (molto indisciplinate) secondo il Suo cuore. E il cuore di Gesù è fatto di amore allo stato puro. "Il sacerdote, il vescovo, il diacono deve pascere il gregge del Signore con amore" − ha detto Francesco − "se non lo fa con amore non serve". I futuri sacerdoti che oggi frequentano il liceo o l'istituto tecnico, che pregano e attendono, che crescono e si preparano, devono essere prima di tutto educati all'amore. Devono comprendere che diventare prete non vuol dire acquisire uno status ma mettersi in uno "stato". L'unica modalità possibile è il servizio. 

E se un giorno dovessero diventare vescovi, dovranno essere consapevoli che i balzi sulla scala gerarchica comportano l'abbassamento del proprio Io. Altrimenti il rischio sarà la mediocrità. Il peggior peccato per un Pastore, secondo Bergoglio, è la mancanza di passione per la Chiesa, la rinuncia alla propria santificazione. Ieri ha parlato di vescovi che non pregano, che non ascoltano la Parola di Dio, che non celebrano quotidianamente l'Eucarestia, che non si confessano regolarmente. Di presuli e sacerdoti che rinunciano ad alimentare il proprio ministero. E ha individuato in questi peccati il male della Chiesa attuale, quella "medietà" che fa perdere il senso del proprio servizio e la comunione con Cristo. Non so se davvero nella Chiesa ci siano vescovi così, sacerdoti sì. Ne ho incontrati alcuni. E ho provato pietà: non erano uomini felici. 

L'augurio per i ragazzini che ho incontrato nel seminario pugliese, in una giornata di sole, è che non tradiscano mai il proprio cuore, che non rinuncino mai alla bellezza, che non abbandonimo mai la croce e le gioia del servizio; che non smettano mai di desiderare la felicità.   

© Riproduzione Riservata.