BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

PASQUA/ Dal nord al sud, un viaggio nella tradizione culinaria

dolci di Pasqua (infophoto) dolci di Pasqua (infophoto)

Tra i top, “La Caudrina” di Romani Dogliotti di Castiglione Tinella, il “Canè” di Marco Bianco di Santo Stefano Belbo ed il “Vigna Vecchia” di Cà d’Gal di Santo Stefano Belbo. Una chicca? È abbinamento pieno di fascino con il Vino Santo trentino. Figlio del vitigno autoctono Nosiola, che ha zona di elezione nella Valle dei Laghi, questo autentico gioiello enoico nasce da uve appassite per oltre cinque o sei mesi fino alla Settimana Santa (da cui il nome). Di colore giallo ambrato, con profumo intenso di datteri, uvetta e fichi secchi, al palato ha gusto dolce, fresco, di sorprendente armonia e lunga persistenza. Tra i migliori assaggiati in questi giorni, affascinanti il Trentino Vino Santo di Francesco Poli di Vezzano (Tn), il Trentino Vino Santo Arele di Pravis di Lasino (Tn) ed il Trentino Vino Santo di Gino Pedrotti di Cavedine (Tn)

© Riproduzione Riservata.