BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

UTERO IN AFFITTO/ Bimbo nato in India con maternità surrogata, assolta coppia italiana

Pubblicazione:martedì 8 aprile 2014

Foto InfoPhoto Foto InfoPhoto

Un caso che non è certo raro, quello di ricorrere alla maternità surrogata in paesi esteri da parte di coppie che ricorrono alla pratica cosiddetta dell'utero in affitto. Nel caso in questione una coppia italiana che aveva avuto un figlio da una donna indiana con questo sistema, era finita sotto processo per aver alterato lo stato di nascita del bimbo stesso, dichiarandosi genitori naturali. Un caso piuttosto comune anche questo. Ma il giudice che ha seguito il caso li ha assolti in quanto, si legge nella sentenza, oggi l'avanzamento della tecnologia è tale che la definizione di maternità è controversa. Sono comunque stati condannati a un anno e quattro mesi di detenzione, anche se la pena è stata sospesa, per "dichiarazioni mendaci alle autorità italiane" cioè aver dichiarato che la madre era la genitrice naturale del bimbo. Anche la procedura di adottabilità che era stata aperta dal Tribunale per i minori di Milano è stata archiviata. La donna, di 54 anni, una "paziente oncologica" resa sterile per le cure seguite durante la malattia, aveva deciso insieme al marito di 48 anni di recarsi in India per "procedere a fecondazione eterologa con materiale genetico donato dall'uomo e donazione anonima dell'ovocita". Due le donne indiane coinvolte una che ha dato l'ovulo da fecondare e una seconda che ha portato a termine la gravidanza. Leggendo in modo approfondito la sentenza ne risulta la totale confusione per quanto riguarda questo tipo di casi: "estrema incertezza giuridica circa la legittimità dei cosiddetti contratti di surrogazione (...) tutt'al più tollerati dall'ordinamento indiano." La definizione di maternità è controversa, dice ancora il giudice, per via del "fenomeno variante normato dai sistemi giuridici nazionali, investito dalla dissociazione tra il dato naturale della procreazione e la contrattualizzazione delle forme di procreazione".



© Riproduzione Riservata.