BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

IL MOSTRO E' MIO FIGLIO/ L'assassino di Ugnano e quel male terribile che ci riguarda

Pubblicazione:sabato 10 maggio 2014

L'arresto di Riccardo Viti (Infophoto) L'arresto di Riccardo Viti (Infophoto)

"Cos'è l'uomo perché te ne curi?" mi verrebbe da dire, guardando quei volti che raccontano una verità tutta loro, ciascuno dentro la sua porzione di morte. Ognuno di loro con dentro la sua fame, che si affanna a saziarla; ognuno di noi, denudato davanti alla banalità di tanto male.

Accanto alla Arendt, mi ricordo di Cristina Campo, dei suoi "Imperdonabili".

Li chiama così, ma non si riferisce ai carnefici, lei definisce "Imperdonabile" colui che non vede la bruttura, il male; che si mette i paraocchi, chi lo evita, chi si indigna e non fa nulla; chi sguazza nella notizia, nel marciume, e poi si lava le mani, godendo della sua presuntuosa innocenza.

Ora, certo non intendo mettermi a moralizzare, facendo questo sarei davvero imperdonabile.

In fondo mi ritrovo a non aver niente di speciale da dire, scusatemi. 

Perdonatemi se potete, chiedete perdono anche voi, per piacere, per me, per loro, per tutto il genere umano, per tutto il male che fa ogni giorno, senza senso o per puro egoismo, in ogni angolo di questa meravigliosa Terra. Per il male che fa alla Terra stessa, che fa a Dio.

E poi magari ringraziamo per tutta la felicità che comunque abbiamo, vediamo, viviamo, per tutto l'amore che comunque sappiamo e conosciamo.

Forse questa è la sola mossa consentita, la sola morale da cercare: non una commovente emozione, ma  proprio e unicamente quella spinta che cerca il bene dell'altra persona, il volere bene, tenendoci ben stretto il desiderio infinito di felicità: chi vuole il male, chi fa male, non lo fa certo per essere felice.



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.  

COMMENTI
10/05/2014 - Alle solite ipocrisie! (luciano dario lupano)

Fermo restando che un matto in giro lo si trova sempre, tra i tanti "regolari", cosa ne pensa uno Stato catto/ipocrita che permette, per vigliaccheria perbenista, che non disciplina e tutela civilmente il mercato del sesso come avviene nei Paesi limitrofi cattolicissimi, della violenza sulle donne in tutta le sue sfaccettature? E' umiliante!!