BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

CASO MIRANDOLA/ "Vi meritate il terremoto": attenti agli "onesti" amici di Beppe Grillo

Pubblicazione:giovedì 29 maggio 2014

Mirandola dopo il terremoto (Infophoto) Mirandola dopo il terremoto (Infophoto)

Onore agli audaci che hanno tirato fuori la storia, postato i commenti, chiesto agli aderenti M5S di dimostrare che sono un po' meglio di così, che il loro rigido moralismo alla Robespierre ha infettato solo una parte. Che non tutti sono opportunisti arrampicatori, violenti custodi del bene e del giusto, inquisitori implacabili, fondamentalisti, fanatici, "cattivi". Chissà se la giovane deputata Giuditta Pini, che osa chiedere in rete alla rete di far mettere la testa a posto ai simpatizzanti sarà condannata dai tribunali del popolo. È del Pd, quindi è una nemica, che sfrutta biecamente debolezze altrui. Eppure è giovane, ha una faccina fresca, ed esprime un sincero e sconsolato dispiacere per certo modo di fare politica.

Sono certa che sono tante anche nel M5S le faccine pulite, che coltivavano speranze, desiderio di cambiamento, di pulizia, di serietà, di partecipazione. I responsabili si affrettano a prendere le distanze, spiegando che la rete è libera, loro non hanno tessere, non è detto che certe intemperanze siano attribuibili proprio ai grillini. Si dicono pronti a denunciare uno per uno questi signori, a tutela del marchio, e del buon nome di Beppe Grillo (anche sul suo blog abbondano le gentili considerazioni sui mirandolesi). Peccato che chi parla, il capogruppo regionale del movimento, sia temporaneamente sospeso, loro dicono così quando ne fanno fuori un altro, quindi non sappiamo se le sue prese di posizione abbiano un seguito. 

Peccato che il capo da tutelare sia temporaneamente impegnato in un incontro a quattr'occhi nientemeno con Nigel Farage (Ukip), lo conoscete? C'è da riflettere, a proposito di opportunismi. E ragionare meglio, alle prossime consultazioni elettorali, a chi dove e quando distribuire panem et circenses, tutelarsi sui risultati, ma liberamente, mi raccomando. Come si fa? C'era quel metodo della scarpa destra e sinistra, pare che la politica in Italia, anche dei nuovi e incorrutibili, non sia poi tanto cambiata. 



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.