BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

SANTO DEL GIORNO/ Il 29 maggio si celebra San Senatore da Settala, arcivescovo di Milano

Il giorno 29 maggio, la Chiesa cattolica ricorda e celebra la figura di San Senatore da Settala, arcivescovo di Milano dal 472 fino alla sua morte. Sappiamo di lui grazie a Sant'Ennodio

Foto: InfoPhoto Foto: InfoPhoto

Il giorno 29 maggio, la Chiesa cattolica ricorda e celebra la figura di San Senatore da Settala, arcivescovo di Milano dal 472 fino alla sua morte. Il Santo è vissuto infatti nel corso del quinto secolo e le poche notizie riguardo la sua vita sono giunte a noi grazie agli scritti di Sant’Ennodio, vescovo di Pavia, che lo definisce come uomo di grande eloquenza e sagacia. Senatore è nato a Settala, comune italiano della provincia di Milano che attualmente conta poco più di 7 mila e 300 abitanti. Sappiamo anche che sin da giovanissimo San Senatore decise di intraprendere la carriera ecclesiastica, probabilmente anche influenzato da colui che sarà la sua guida spirituale, l’allora vescovo di Como Sant’Abbondio. Si ha notizia di un compito che venne affidato a San Senatore intorno al 450 direttamente dal Papa, il quale lo inviò a Costantinopoli per informare di alcune suoi giudizi negativi su quanto stava accadendo nel mondo. In particolare, Senatore si recò dal Patriarca di Costantinopoli e dall’Imperatore di quello che era all’epoca l’Impero Romano d’Oriente, per metterli a conoscenza della contrarietà del Papa rispetto all’eresia eutichiana. Non appena rientrato dal viaggio a Costantinopoli sempre in compagna di Sant’Abbondio, viene incaricato da Papa Leone I di consegnare una sua lettera all’allora arcivescovo di Milano Sant’Eusebio Pagani. L’anno successivo venne invitato a partecipare ad un sinodo milanese dove erano presenti praticamente tutti i vescovi della città e dove fece una sorta di riassunto dei risultati conseguiti dal suo viaggio in Oriente e di tutto ciò che aveva potuto vedere con i propri occhi. Godendo di grande stima non solo nel mondo ecclesiastico ma anche tra il popolo e i religiosi, arrivò a coprire il ruolo di vescovo di Milano dal 472 fino al 475, anno della sua morte, e in questi tre anni fece anche in tempo a far partire la costruzione della Chiesa di Sant’Eufemia presente sul territorio milanese. Alla sua morte, il corpo di San Senatore venne sepolto proprio nella Chiesa di Santa Eufemia.

© Riproduzione Riservata.