BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

PELU' vs RENZI/ #Pierochi? Quello che insulta i boy scout e si coccola Suor Cristina

Pubblicazione:

Piero Pelù (Infophoto)  Piero Pelù (Infophoto)

E il 2 maggio tutti a parlare di Piero Pelù. Uno con la maschera che incrocia Dracula e Arsenio Lupin, con le braccia tatuate coi romanzi che voleva scrivere, e invece ha scritto solo un libro per cantarci in parole la sua vita e le sue idee sulla vita. E poi dicono che la gente non legge. 

Pelù appannatello, perché a 50 anni devi essere Springsteen per reggere, sale sul palco del concertone e svetta. In regno caecorum monocolus rex, dicevano i saggi, e la ricchissima messe di ospiti non offriva tutte queste star. Ovvio che dopo Maggiani e Cazzullo e la Sciarelli un po’ di rock eccita gli animi. E Pelù gioca facile con la piazza: vogliamo il lavoro, basta corruzione, il nemico è dentro di noi, “il nemico ti ascolta”, diceva qualcuno tempo fa. Droghe libere, sesso libero, abbasso Berlusconi e abbasso Renzi, che adesso conta ben di più, “boy scout di Licio Gelli”,  e così al complotto plutocratico si associa la P2, meno male che ha lasciato stare Israele.  

Pelù Renzi lo conosce bene, aveva accettato di dirigere la sua Estate fiorentina, anni fa, prendendosi un sacco di quattrini, mica gli 80 euro che forse arriveranno in busta paga agli indigenti. Arriva Renzi sindaco e lo rimuove, affidando l’incarico a uno che lo svolge gratis. Andrebbe premiato solo per questo. E invece il livore scatena la vendetta, e appena gli hanno dato una platea, ecco lo sgambetto, l’accusa infingarda e vigliacca, perché o spieghi per bene, accetti il confronto, e pure le conseguenze delle tue parole, o le tue sono urla isteriche, sono buone per accalappiare una piazza stordita e vogliosa solo di perdersi.  

E poi quell’epiteto, boy scout, che da sberleffo da parrocchia è diventato un insulto: ma come, Pelù, proprio lei che si coccola la suor Cristina del suo reality? Perché suor Cristina tira, alza l’audience, e si può pure sopportare che porti il velo, fa colore, al prossimo giro ci sarà in torneo una drag queen, e per Pelù sarà la stessa cosa, un travestimento come un altro. Qualcuno avvisi la suora, che i media sono strumenti del potere, e ottundono la massa, travisano, deformano, anche se ti invitano a ingurgitare in diretta una banana. Lo spiegava già Benjamin, 70 anni fa. 

Pelù si dice “voce fuori dal coro”: su quel palco di san Giovanni sarebbe stato fuori dal coro un missionario, un poliziotto, uno studente con camicia e giacca, un esule ucraino, un cristiano siriano, un deputato di destra, un esponente della Manif pour tous. Pelù guidava il coro, il solito coro dell’ideologia, che ogni anno ci sorbiamo in diretta tv, la stessa tv che paghiamo tutti col canone. Pelù guida il coro anche quando fa il giudice del talent, quando provoca dicendo che voleva far cantare alla suora un inno al diavolo. Le proponga un Alleluja, se proprio vuol essere controcorrente.  


  PAG. SUCC. >


COMMENTI
03/05/2014 - Il Cristo ci ha insegnato l'Amore! (Silvano Rucci)

Piero Pelù Matteo Renzi e Suor Cristina Piero Pelù dovrebbe scherzare con i fanti e lasciare stare il suo concittadino Renzi! Piero è stato allontanato dalla “Estate Fiorentina” per un giusto ed esemplare motivo: Risparmiare sulla spesa comunale a carico dei cittadini. Il Signor Sindaco ha fatto soltanto il suo dovere! Quanto a Suor Cristina, che si è rivelata “Santa” con tutte le caratteristiche per diventarlo, questo precedente dovrebbe ponderarlo bene e decidere quale strada seguire! Il Cristo ci ha insegnato l’Amore ma anche che i pensieri che vengono dal nostro cuore vanno distrutti sbattendoli contro la roccia sul nascere, appena vediamo che ci coinvolgono nel MALE!