BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

PAPA/ La febbre da film che vuol "sfruttare" Bergoglio

Pubblicazione:

Infophoto  Infophoto

Un giorno un carissimo amico mi disse che lo invitò a visitare il suo studio a Buenos Aires. Questi si mostrò sorpreso nel constatare che la sua area di lavoro era circoscritta allo spazio sufficiente a occupare una sedia e una scrivania mentre il resto della stanza pareva un deposito di un supermercato, tanto era colmo di derrate da distribuire durante le sue visite alle “villas miserias” di Buenos Aires e dintorni. No, non è un personaggio di consumo per niente.

Quindi che senso ha questa corsa alla “canonizzazione” mediatica di un uomo che finora ha solo iniziato un processo di cambiamento di una istituzione millenaria come la Chiesa? Cosa farà o dove lo porterà la sua fede non è dato sapere, quali saranno i suoi limiti nemmeno, ma certo queste operazioni, che ripeto poco hanno a che fare con il suo messaggio, rischiano di creare quell’aspettativa rivoluzionaria fatta di tempi brevissimi che non possono coincidere con il fine delle sue azioni.

Chissà perché, ma mi viene in mente l’esempio (calzante solo a livello di tempistica, sia chiaro) del Presidente Obama che manco aveva messo piede alla Casa Bianca e già riceveva il Premio Nobel per la pace: la storia dimostra che le rivoluzioni repentine, quasi sempre violente, hanno ottenuto alla fine l’instaurazione di poteri peggiori di quelli combattuti. Anche le rivoluzioni tecnologiche hanno avuto bisogno di tempo per imporsi: lasciamo che quest’uomo che parla il nostro linguaggio, che è deciso ma che sempre uomo è, possa mettere il suo granello di speranza al di fuori di circuiti commerciali e politici (si veda lo sfruttamento della sua figura da parte della presidente argentina che, da sua acerrima nemica, è diventata più papista del Papa utilizzandolo come carta per le prossime elezioni) e che Francesco, proprio come il poverello di Assisi, riesca a portare il suo messaggio all’umanità direttamente.

< br/>
© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.