BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

"W la Barbera!"/ Ai suma, quel vino simbolo del riscatto

Pubblicazione:

Giacomo Bologna  Giacomo Bologna

Volete fare marketing per il vino? Studiate la storia di Giacomo Bologna. Così Paolo Massobrio agli oltre mille partecipanti al Social Media Marketing Day, la giornata di lavori dedicata alle nuove forme di comunicazione svoltasi presso la sede del Sole24ore e organizzata dall'esperto dei social media Andrea Albanese.

Il produttore dell'astigiano non usava facebook o twitter, nè email o whatsapp. Non erano ancora stati inventati. Eppure, con gli strumenti di allora, ha reso famoso in tutto il mondo il suo paese, Rocchetta Tanaro, ed i suoi vini, in particolare le sue straordinarie Barbera.

Cosa ha da dire a noi la sua avventura umana? Che oggi come ieri la più grande ricchezza, sono le relazioni. Casa sua era una finestra sul mondo, in cui c'era sempre qualche ospite, personaggi di umanità varia, dalla celebrità al "matto" del paese, da artisti o nomi noti come Bruno Lauzi, il conte Riccardo Riccardi, Gino Veronelli, Bruno Vespa o Gianni Rivera, a perfetti sconosciuti, di tutte le età, anche giovani.

E che oggi come ieri la strada per andare lontano, con qualsiasi attività, quindi anche con il vino, è seguire quella che era la sua filosofia, riassunta nel motto che ripeteva in continuazione "dare della qualitá". Vale a dire non prendere in giro il prossimo.

 “La proclamazione da parte dell’Unesco dei paesaggi vitivinicoli di Langhe Roero e Monferrato patrimonio mondiale dell’umanità è una soddisfazione straordinaria”, ha affermato ieri Diana Bracco, Presidente Expo 2015 Spa e Commissario Generale per il Padiglione Italia nel corso dell’Assemblea Generale dell’Unione Italiana Vini presieduta da Domenico Zonin.

“Expo 2015 - ha proseguito Diana Bracco - sarà un’occasione straordinaria per valorizzare i territori vitivinicoli appena dichiarati dall’Unesco patrimonio mondiale dell’umanità”. Se oggi il Piemonte, come ha rilevato il ministro Martina, è la prima regione che vede il suo patrimonio vitivinicolo considerato patrimonio dell'umanità - cosa non riuscita nemmeno ai cugini francesi per i loro straordinari territori di Champagne, Borgogna e bordolese - il merito è anche di uomini come Giacomo Bologna.



  PAG. SUCC. >


COMMENTI
24/07/2014 - La foto (Andrea Antonuccio)

Segnalo all'amico Marco Gatti che la foto dell'articolo è stata scattata da Andrea Antonuccio, cioè dal sottoscritto. W Giacomo!