BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

PAPA FRANCESCO/ Gesù nè moralista o affarista, ma pastore che parlava la lingua del popolo

Papa Francesco ha tenuto oggi messa alla domus Santa Marta; nel corso dell'omelia ha parlato di Gesù Cristo, definendolo "un pastore che parlava la lingua del suo popolo"

(Infophoto) (Infophoto)

“Gesù non era né un fariseo casistico moralista, né un sadduceo che faceva gli affari politici con i potenti; né un guerrigliero che cercava la liberazione politica del suo popolo, né un contemplativo del monastero. Era un pastore che parlava la lingua del suo popolo, si faceva capire, diceva la verità e il popolo per questo lo seguiva”. Così Papa Francesco nell’omelia della messa alla casa Santa Marta. Il Pontefice ha poi ricordato come Gesà non si sia mai allontanato dal popolo e da dio. Il Santo Padre ha poi continuato nel suo discorso ponendo la seguente domanda: "A me chi piace seguire? Quelli che mi parlano di cose astratte o di casistiche morali; quelli che si dicono del popolo di Dio, ma non hanno fede e negoziano tutto con i poteri politici, economici; quelli che vogliono sempre fare cose strane, cose distruttive, guerre cosiddette di liberazione, ma che alla fine non sono le strade del Signore; o un contemplativo lontano? A chi piace a me seguire? Che questa domanda ci faccia arrivare alla preghiera e chiedere a Dio, il Padre, che ci faccia arrivare vicino a Gesù per seguire Gesù, per essere stupiti di quello che Gesù ci dice”.

© Riproduzione Riservata.