BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

PREGHIERA PER LA PACE/ Peres, Abbas, Bartolomeo e la "svolta" di Francesco

Pubblicazione:

Papa Francesco (Infophoto)  Papa Francesco (Infophoto)

E si comprende. Il coinvolgimento diretto nel conflitto, la sfiducia reciproca, stentano a far abbassare la guardia. Ma il punto davanti al Dio della Pace è passare dal chiedere perdono a Lui del male che si è compiuto, al chiederlo a quelli a cui lo hai fatto, fidandoti che nel suo nome ti venga restituito il perdono. Come questo auspicio spirituale possa farsi azione politica concreta di pacificazione e di pace, è il lavoro e il compito di una politica che abbia quel più di coraggio che da decenni in Terra Santa serve per la pace. 

Non è la prima volta che in Vaticano leader religiosi di diverse fedi si riuniscono e pregano. Era già accaduto durante il Giubileo del 2000, ma avevano pregato in luoghi separati. Ieri lo hanno fatto insieme. E un altro passo avanti. Un piccolo ulivo di pace è stato piantato. Se da domani comincerà a crescere nella ragionevolezza di una politica della buona volontà, che abbia il coraggio di dire ai propri popoli che altro non c'è per essi che la pace e il rispetto reciproco, la Chiesa di Francesco avrà sorpreso anche una politica incapace da troppo tempo in Medio Oriente di uscire dal suo disincanto. 



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.  


COMMENTI
09/06/2014 - Che sussulto al cuore (claudia mazzola)

Ieri ho seguito alla TV l'incontro, ma vi rendete conto che è accaduto un fatto eccezionale? Io ci credo che quegli uomini lì vogliano la pace e dall'intensità della preghiera è ovvio che ci credono davvero. Che meraviglia.