BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

G8 GENOVA/ Corte dei conti: risarcimento milionario per i pestaggi della polizia

Pubblicazione:

Foto InfoPhoto  Foto InfoPhoto

Un milione e 120 mila euro di risarcimento: è quanto ha stabilito la Corte dei conti a favore di un manifestante picchiato durante gli incidenti del G8 di Genova del 2001 dalla polizia. Parole molto dure quelle contenute nella sentenza, che parla anche di danno che la polizia ha subito a livello mondiale per colpa dei cinque accusati, e cioè l'ex numero due della Digos Alessandro Perugini e altri quattro appartenenti sempre alla Digos. Nella sentenza si parla infatti di viltà e atti di violenza indiscriminati nei confronti dei manifestanti, in particolare di un ragazzo all'epoca dei fatti minorenne, ma si parla di danno alla polizia stessa. Non solo: vengono messi sotto accusa il ministero degli interni e vari esponenti politici che in tutti questi anni avrebbero cercato di nascondere quanto fatto da alcuni poliziotti in quei giorni. Il ministero degli interni in particolare avrebbe dovuto costituirsi parte civile contro quegli agenti, si legge nella sentenza, agenti definiti "violenti e prevaricatori in spregio delle leggi".  Il minorenne vittima degli agenti è Marco Mattana, allora 17enne, picchiato e preso a calci ripetutamente. Ai tempi il giovane ritirò la querela dopo un risarcimento di 30mila euro. Per quanto riguarda la nuova richiesta di risarcimento, è stata ridotta del 30% perché i giudici hanno tenuto conto della situazione in cui la polizia era costretta a operare, cioè le violenze da parte dei no global.



© Riproduzione Riservata.