BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Cronaca

SCIOPERO/ Oggi, le agitazioni sindacali in programma (29 luglio 2014, ore 14.10)

Gli scioperi di oggi, le agitazioni sindacali in programma (29 luglio 2014). Iniziamo il resoconto dando la notizia della protesta in atto dei lavoratori di Poste Italiane

(Infophoto)(Infophoto)

Il personale del Trasporto Pubblico Locale di Ctt Nord di Pisa e provincia è in agitazione: i sindacati Filt-Cgil, Fit-Cisl, Faisa-Cisal hanno indetto uno sciopero che prevede il blocco straordinario esclusi i giorni di franchigia dal 28 luglio al 3 agosto. Gli addetti di Enel Distribuzione di La Spezia incrociano invece le braccia per quanto concerne le ultime due ore del turno: si tratta di una protesta (organizzata da Filctem-Cgil, Flaei-Cisl, Uiltec-Uil) scattata il 7 luglio e che si protrarrà fino al 9 agosto. Inoltre, ecco gli operatori del Call Center  della divisione Services di Telecom Italia del Lazio saltare un ora in uscita per ogni turno stando alle indicazioni del sindacati Snater.

Il corpo di Polizia Municipale di Colle di Val d’Elsa (in provincia di Siena)protestano secondo quanto stabilito dai sindacati Fp-Cgil, Fp-Cisl, Diccap. I dipendenti di Poste Italiani di Tarato e Provincia incrociano invece le braccia per quanto concerne le prestazioni straordinarie e aggiuntive: si tratta di una protesta scattata il 24 luglio che si protrarrà fino al 23 agosto. Stesse modalità di sciopero per il personale di PI della Lombardia. A livello nazionale ecco dunque l’agitazione del Settore recapito di Poste Italiane: i sindacati Slc-Cgil hanno stabilito una dimostrazione di circa un mese (23/7 – 21/8).

Iniziamo il resoconto degli scioperi di oggi, martedì 29 luglio, dando notizia dell’agitazione – su scala nazionale – del personale di Poste Italiane; seconda quanto organizzato dai sindacati Si-Cobas. Il personale si asterrà dalle prestazioni di lavoro straordinario. Sono state invece revocate le due proteste in programma in data odierna ad Afragola e nell’intera regione Sicilia: la prima avrebbe coinvolto gli addetti delle pulizie presso l’Ipercoop di Afragola per l’intera giornata di oggi, mentre nell’Isola avrebbero dovuto incrociare le braccia i lavoratori del trasporto merci. Eccoci dunque allo sciopero di tutte le aziende del gruppo Eni a livello nazionale. Secondo quanto voluto dai sindacati Filctem-Cgil, Femca-Cisl, Uiltec-Uil la dimostrazione durerà per l’intera giornata.

© Riproduzione Riservata.