BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

IMU E CHIESA/ Bene le paritarie, ora Renzi faccia lo stesso con il non profit

Infophoto Infophoto

Viene indirettamente riconosciuto il grande valore che le scuole paritarie rappresentano per tutta la comunità, anche sotto il profilo economico: a fronte di un costo medio per studente di scuola statale pari a euro 6.882,78 (cui devono aggiungersi gli oneri sostenuti dagli enti locali), alle paritarie, che accolgono più di un milione di studenti, lo Stato destina annualmente meno di 500 euro ad alunno.

È bene comunque fare altri passi avanti su questa strada. Nell’ambito dell’annunciata riforma del terzo settore il Governo abbia il coraggio di fare scelte radicali prevedendo che l’attività svolta dagli enti non profit in settori di interesse generale ( assistenza, istruzione, cultura…) non è commerciale ai fini fiscali, proprio per il valore pubblico che tale attività persegue. Con riferimento all’Imu (e alla connessa Tasi) il Parlamento estenda l’esenzione oggi prevista per gli Enc a tutti i soggetti che non hanno scopo di lucro (cooperative sociali onlus in primis). I Comuni da parte loro prevedano sin da ora per tutte le Onlus le esenzioni Imu/Tasi previste dalla normativa nazionale per gli Enc. Sostenere le realtà sociali che svolgono un servizio pubblico, anche con significative agevolazioni fiscali, è infatti una strada fondamentale per il welfare del futuro in Italia e in Europa.

© Riproduzione Riservata.