BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Cronaca

ASILO DEI MASSONI/ La carità dei "grembiuli" è diversa da quella dei cristiani

Torino, la Mole antonelliana (Infophoto) Torino, la Mole antonelliana (Infophoto)

Come ha vissuto Maria la sua vita per Gesù e per gli altri? Non ha fatto un'organizzazione, non ha fatto una raccolta fondi, perché non ha "fatto" ma ha "vissuto". Un' esistenza normale: faceva quello che era, e faceva il bene a chi aveva vicino.
Nel video non manca la parola Gesù, quella non me l'aspettavo, manca la parola amore (che poi vuol dire Gesù, ma è un altro discorso). Senza quella parola è una prospettiva completamente diversa e se ne accorge anche l'ateo. Chiedetelo a quegli adulti - magari non credenti - che mandano i figli in scuole cattoliche. Sotto sotto, sanno che il bimbo sarà preso per quello che è, unico: il Dio dei cristiani sa contare solo fino a uno. Anche la Chiesa ha la sua organizzazione ma non è l'anima. La Chiesa è prima di tutto madre. Non "materna": madre. Cioè non fa le cose "come" una madre, lo è. Come Maria appunto. Guardiamola e non vedremo nulla. Perché la differenza tra un'iniziativa sociale e la carità, non si vede. È dentro.
Essere ong è molto più semplice che essere come Maria. Forse la Massoneria non vuole farsi superare sul sociale. Forse ha bisogno di far conoscere quello che fa per gli altri. Forse. Ma guardiamo a chi non ha detto "forse" ma "sì" e troveremo il più bel "sì" della storia umana: un Amen. Che è far entrare l'amore. Le crisi, le nostre crisi, si vincono con i "sì" che sono degli "Amen". Sono loro che organizzano il nostro modo di alzarsi e di andare.

© Riproduzione Riservata.

COMMENTI
18/08/2014 - massoni scomunicati? (Mauro Leonardi)

Grazie per i vostri commenti. Siccome sul mio blog "Come Gesù" qualcuno ha scritto che i massoni sono scomunicati, vorrei chiarire che era così nel precedente codice di diritto canonico ma attualmente le cose sono cambiate. Attualmente essere massoni in quanto tali non comporta più la scomunica. Nel codice del 1983 il canone n. 1374 recita: “chi dà il nome ad una associazione che cospira contro la chiesa sia punito con una giusta pena; chi poi tale associazione promuove o dirige sia punito con l’interdetto”. Quindi, in ipotesi, si include la massoneria in quelle associazioni che vogliono andare contro la chiesa. Se aderire a tali associazioni comporta scisma, apostasia o eresia si commette il delitto di cui al canone 1364 che, questo sì, è punito con la scomunica. Grazie ancora.

 
18/08/2014 - L'amore non è una gara di risultati (Paola Baratta)

Questo articolo mi ha fatto pensare. A tutte le volte che ho ritenuto che fare le cose con amore era farle perfette. Che anche io dovevo essere così. Macinare bei voti a scuola. Non dar problemi a casa. Magari lavorare per mettere da parte qualcosa. Fare volontariato. Sono esempi. Che se non avevi l'agenda così piena di belle cose fatte e da fare avevi fallito. Non eri "perfetta". Naturalmente volevi salvare il mondo tu. Ridurre ingiustizie e povertà. Mi fermo un attimo e guardo questa specie di crono programma della filantropia e dell'amore. Tutto ben pianificato. Con un IO gigantesco in mezzo che aspetta solo applausi. Mi viene la pelle d'oca e no. L'amore non è così. È quelle notti che passi insonne accanto al tuo bimbo che suda per la febbre. E il giorno dopo sorridere se sta meglio o andare in fretta dal dottore e con un poco d'ansia. È cercare di fare le cose con il cuore. Donando te stesso. E caso mai fai un disastro.abusi della pazienza altrui per le tue fragilità. Ma hai consegnato proprio il tuo cuore e più di così non si può fare. Anzi. ..non si può dare. Bellissimo articolo.

 
18/08/2014 - non sentirsi buoni ma sentirsi amati... (Franco Maiolati)

Grazie per la chiarezza che porta sul senso della carità, non un fare o non fare, ma riconoscere un amore.