BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Cronaca

SCOUT/ "Strade di coraggio", il documento: l'Agesci riconosca l'accesso agli omosessuali

Un gruppo di scout chiede all'Agesci e alla Chiesa di rivalutare le loro posizioni su omosessualità, convivenza, divorzio. Ecco di cosa si tratta in questa news

Foto InfoPhotoFoto InfoPhoto

Un documento, che la direzione nazionale dell'Agesci ha definito frutto dell'iniziativa di un singolo gruppo e non rappresentativo del movimento stesso, che chiede l'ingresso per tutti negli scout "indipendentemente dall'orientamento sessuale". Nonché maggiore apertura da parte della Chiesa su temi quali omosessualità, divorzio e aborto. Si intitola "Strade di coraggio" ed è stato prodotto da un gruppo scout durante un convegno a Pisa. Il lungo documenta esplicita l'impegno degli scout a servire lo Stato e la Chiesa, offrendo il proprio impegno secondo i valori della fede cattolica. A un certo punto però si chiede "all'Agesci  di  allargare  i  propri  orizzonti  affinché  tutte  le  persone indipendentemente dall'orientamento sessuale possano vivere l'esperienza scout e il ruolo educativo senza sentirsi emarginati". Da tempo a livello internazionale si discute nei vari movimenti scout dell'ingresso degli omosessuali nello scoutismo. Nel documento si chiede poi all'Agesci e alla Chiesa di dimostrare apertura su "temi  quali  omosessualità,  divorzio, convivenza". Si chiede poi alla Chiesa di "accogliere e non solo tollerare qualsiasi scelta di vita guidata dall'amore" e che " l'Agesci  non  consideri  esperienze  di  divorzio,  convivenza  o  omosessualità  invalidanti  la  partecipazione  alla  vita  associativa  e  al  ruolo  educativo,  fintanto  che  l'educatore  mantenga  i  valori dell'integrità  morale" e infine ancora alla Chiesa "di  mettersi  in  discussione  e  di  rivalutare  i  temi  dell'omosessualità,  convivenza  e  divorzio,  aiutandoci  a  prendere  una  posizione  chiara".

© Riproduzione Riservata.