BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

MEETING 2014/ Diretta streaming video, l'incontro "Quale città per il nostro futuro?" con Pisapia, Nardella e Tosi. Oggi 26 agosto

Si terrà oggi alle 19 presso la Sala Neri Conai l’incontro “Quale città per il nostro futuro?”a cui parteciperanno i sindaci di Firenze, Milano, Verona.Introduce il professor Cittadini

foto: Infophoto foto: Infophoto

Si terrà oggi alle 19 presso la Sala Neri Conai del Meeting di Rimini 2014 l'atteso incontro "Quale città per il nostro futuro?" a cui parteciperanno il sindaco di Firenze Dario Nardella, il sindaco di Milano Giuliano Pisapia e il sindaco di Verona Flavio Tosi. Introduce l’incontro Giorgio Vittadini, presidente della Fondazione per la Sussidiarietà. Il dibattito in questione è visibile anche in diretta streaming tramite il canale YouTube del Meeting in programma fino al 30 agosto presso la fiera di Rimini. “La povertà e la violenza che caratterizzano le periferie del mondo non sono tante volte diverse dai mali che affliggono le periferie delle città - ha detto a IlSussidiario.net proprio Giuliano Pisapia - Unire le forze per superare la distinzione tra centro e periferie può essere un modo per dire basta a fenomeni di abbandono e di degrado umano”. La città metropolitana, ha aggiunto il primo cittadino del capoluogo lombardo, "sarà una nuova realtà complessa, più efficiente, più vicina ai cittadini, dove non ci saranno più un centro e una periferia. Milano sarà divisa in vere e proprie municipalità con poteri decisionali molto ampi e non limitati come gli attuali consigli di zona. Negli altri Paesi del mondo, dove la città metropolitana si è affermata c’è stato, chiaramente dopo un certo periodo di tempo, uno sviluppo economico che ha portato maggiore lavoro, solidarietà, e soprattutto maggiore capacità di integrazione nei rapporti tra pubblico, privato, profit, no profit e associazionismo. In questo contesto la città metropolitana dovrà avere sempre di più un compito di organizzatore e di facilitatore di azione tra tutte le realtà sociali che la compongono".