BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

CEI/ Mons. Galantino: la Chiesa deve far sentire a casa chiunque ne faccia parte

“La Chiesa deve far sentire a casa chiunque ne faccia parte”. Così ha detto il segretario della Cei, monsignor Nunzio Galatino, che ha aperto ad Orvieto un convegno sulla liturgia

Infophoto Infophoto

“La Chiesa deve far sentire a casa chiunque ne faccia parte”. Così ha detto il segretario della Cei, monsignor Nunzio Galantino, che ha aperto ad Orvieto un convegno sulla liturgia, parlando delle coppie irregolari. E non solo: disabili, malati, poveri, migranti, anziani e bambini devono poter trovare un ambiente accogliente, che accorci le distanze. Monsignor Galantino ha parlato in particolare delle Messe: «Siamo sicuri che nelle nostre assemblee non si facciano davvero differenze tra ricchi e poveri?». È necessario eliminare le barriere architettoniche per i disabili e pensare “a dei posti riservati in Chiesa”. Cambiare inoltre le abitudini: piuttosto che pensare ad una Messa per bambini, pensare invece ad una celebrazione che vede coinvolta l’intera famiglia. Galantino si rifà all’immagine della Chiesa proposta da Papa Francesco: «non è quella della cittadella arroccata in difesa e neppure quella della città immobile che attende di essere visitata». Bisogna poi allontanare il pregiudizio nei confronti di coloro che «si trovano in una situazione matrimoniale irregolare»: sono «cristiani», «fanno parte della Chiesa», ha detto il vescovo di Cassano all’Jonio. E poi uno sguardo ai movimenti ecclesiali che fanno le Messe per conto loro: «Celebrazioni di singoli gruppi che dovessero svolgersi regolarmente - avverte il vescovo - contraddirebbero la natura della domenica». (Serena Marotta)

© Riproduzione Riservata.