BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Cronaca

SCONTRINO OMOFOBO/ Il cameriere è stato licenziato: giusto cacciarlo?

Un commento mentre prendeva l’ordinazione è finito nello scontrino: “mi raccomando so’ ricchioni” e l’autore del commento omofobo è stato licenziato

foto: Infophotofoto: Infophoto

Un commento mentre prendeva l’ordinazione è finito nello scontrino: “Mi raccomando so’ ricchioni”, e l’autore del commento omofobo è stato licenziato. Giusto cacciarlo? Secondo alcuni no. Un gesto esagerato, lo difendono. Si rischia di passare da perseguitati a persecutori, riporta “loccidentale.it”. Secondo Aurelio Mancuso, intervenuto con un articolo sull'Huffington Post, è invece giusto il gesto del manager, che ha licenziato il lavoratore. Facciamo un passo indietro. L’episodio è successo in una pizzeria di Mareggio, nel Tarantino, come riferisce Brindisioggi.it. Protagonisti dell’episodio, che è accaduto lo scorso 29 luglio un gruppo di ragazzi gay, che si sono sentiti offesi tanto da chiedere spiegazioni al proprietario della pizzeria. Il proprietario, mortificato, si è scusato per l’accaduto.  “Inizialmente non volevamo credere ai nostri occhi, anche il proprietario del locale è rimasto senza parole, ci ha chiesto scusa anche a nome del cameriere. Il giorno successivo ci ha contattati per farci nuovamente le scuse e dicendoci che aveva allontanato dalla pizzeria il cameriere che aveva scritto la frase offensiva. Noi però in quel locale non ci ritorneremo più”, ha raccontato uno dei protagonisti. "E' stato un errore, uno scherzo tra il cameriere e il pizzaiolo", si è giustificato il dipendente. Uno scherzo che gli è costato caro. (Serena Marotta)

© Riproduzione Riservata.