BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

BIMBO DOWN ABBANDONATO/ Non era l'inquilino di un utero in affitto, viveva a casa sua

Pubblicazione:martedì 5 agosto 2014

Foto: InfoPhoto Foto: InfoPhoto

Per fortuna però c'è Twitter. Che oltre a trovare i soldi per il cuore di Gammy ha trovato anche le parole per dirlo. C'è riuscito @brunomastro: "Se vuoi ottenere, selezioni il prodotto. Se vuoi generare, dai e accogli ciò che è così com'è". Tutto qui il problema. Eterologa: basta la parola, e capisci che è una tecnica per ottenere. Generare, invece, è un'altra cosa. Generare è dar spazio e tempo a una crescita che non viene da chi genera. Generare non è fare ma lasciare che si faccia. Che si faccia in me, in noi. Invece la tecnica è fuori e dentro. Fuori, io metto. Dentro, tu cresci. Poi, io prendo. E poi che succede? Succede che se si fa della vita una tecnica, se si applica alla vita una tecnica, la vita non ci sta. Perché non si può. Non è che la vita fa i capricci. È che proprio non si può. E allora lei fa ciò che è: fa la vita. E la vita non funziona con le istruzioni, con i protocolli, con le leggi adeguate, con i contratti. La vita non si fa così, perché "non si fa" ma "si lascia fare", si "lascia che avvenga". A quattro mani. E due sono di Dio. E Dio è forte. Perché è vita. E vince. La vita vince sempre. E Gammy nasce com'è, non li rispetta i contratti. Ora sta con la mamma. Non gli interessano le battaglie legali. Non era un inquilino di un utero in affitto, viveva a casa sua.

Come lo chiamo quell’abbandono selezionato, quella "quasi mamma" madre surrogata che ora come fa a farlo operare Gammy e se non lo opera, muore? E come la chiamo quell’altra donna, che gli ovuli erano i suoi e come fa a dire ma mio è quello sano e ora dice però io sapevo che ce n'era solo uno? (senza virgole e virgolette: il motivo è il respiro e l'ho già spiegato sopra). Bravo @brunomastro su Twitter: se vuoi generare, dai e accogli ciò che è così com'è. Allora smettiamola di dire "faccio l'amore": amiamoci. Smettiamola di dire "facciamo la chiesa": la chiesa si faccia in noi. E così via. L'aveva già detto, duemila anni, fa una ragazza di tredici anni circa.



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.  

COMMENTI
05/08/2014 - Quanti casini siamo in grado di fare noi. (claudia mazzola)

Noi umani abbiamo solo bisogno di misericordia e perdono. Sono certa che anche Gammy non si arrabbierebbe con i suoi genitori, forse per il nome che gli hanno dato sì!