BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

IL CASO/ Biagio Conte, quando lo Stato "uccide" la carità

Pubblicazione:giovedì 11 settembre 2014

Biagio Conte, fondatore della Missione Speranza e Carità (Immagine d'archivio) Biagio Conte, fondatore della Missione Speranza e Carità (Immagine d'archivio)

Ma per avviare un tavolo di confronto, si sa, ci vuole tempo: convocazione, comunicazioni, ricevute di comunicazioni e, soprattutto, la disponibilità degli uomini delle istituzioni. Ma la burocrazia ha i suoi tempi, non come la fame dei suoi assistiti che due volte al giorno deve essere tacitata!  

Questa storia viene da lontano, come tante altre simili, che si ripetono periodicamente nel nostro paese: di fronte dalla concretezza e all'urgenza dei bisogni, le istituzioni mostrano tutta la loro difficoltà lasciando alla generosità degli italiani il compito di dare una risposta che spesso è l'unica per efficacia e prontezza.

Anche nel caso degli immigrati che sbarcano quotidianamente sulle coste italiane le istituzioni devono fare appello alla solidarietà e generosità degli italiani. Per aprire i locali di una chiesa o di un oratorio basta una telefonata anche in piena notte. Per aprire palestre, scuole e locali pubblici ci vuole la carta bollata. Nessuno riesce a far aprire le caserme, notoriamente poco abitate da quando non abbiamo militari di leva. Ma dopo l'accoglienza bisogna sfamarli e vestirli. Ed ecco le telefonate alle parrocchie, gli appelli via sms o facebook e giungono i vestiti con la giusta taglia per i ragazzi, la pastina per i più piccoli ed un po' di umana solidarietà. Ciò non toglie che rimangano per settimane nei centri di accoglienza in attesa …. di poter riprendere la strada che li porterà lì dove vogliono andare, nel Nord Europa.

Biagio Conte ha toccato un nervo scoperto che in molti non hanno interesse a vedere. Chissà se questo suo ennesimo gesto di protesta eclatante servirà a prendere contezza di un problema così delicato ed urgente.

Nel frattempo: la Missione continua ad erogare pasti e assistere indigenti; Biagio prega perché ancora una volta il Signore lo illumini; gli uomini delle istituzioni discutono su come affrontare il problema.



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.