BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

MORTA L'ORSA DANIZA/ News: morto forse avvelenato un orso anche in Abruzzo

È stata narcotizzata, ma non è sopravvissuta: è morta così dopo un mese di latitanza l’orsa Daniza. La notizia arriva attraverso un comunicato della Provincia di Trento

foto: Infophoto foto: Infophoto

MORTA L'ORSA DANIZA - Orso avvelenato: è stato trovato morto in Abruzzo, nelle campagne di Pettorano sul Gizio. Dai primi esami sembra proprio che sia stato ucciso, forse da un allevatore a cui l'animale recava disturbo mangiandone il bestiame. Insomma, una storia che ricorda da vicino quella di Daniza, l'orsa che proprio ieri è morta per non aver retto alla dose di sonnifero che le era stata iniettata. Una coincidenza che rischia di sollevare ancora di più le polemiche già accesissime degli animalisti che accusano in massa la regione del Trentino per la morte di Daniza. Nella stessa zona dove è stato trovato oggi morto l'orso, giovedì scorso un allevatore aveva denunciato la presenza di un animale sorpreso nel suo pollaio. Potrebbe essere lo stesso orso. 

MORTA L'ORSA DANIZA - E' una esecuzione annunciata, i responsabili devono pagare. L'indignazione di Licia Colò, nota conduttrice televisiva, in un video postato su youtube e in un lungo messaggio che denuncia la morte dell'orsa Daniza. Non ha retto alla dose di anestesia, come si sa, e per Licia Colò bisogna fare luce su quanto accaduto perché potrebbe essere il frutto di "un sistema anacronistico, sbagliato, crudele". Per Licia Colò ci sono però evidenti responsabilità e chi è colpevole deve andare a casa subito.

MORTA L'ORSA DANIZA - È stata narcotizzata, ma non è sopravvissuta: è morta così dopo un mese di latitanza l’orsa Daniza. La notizia arriva attraverso un comunicato della Provincia di Trento. A Ferragosto, l'esemplare aveva ferito un uomo nei boschi del Trentino, che si era avvicinato per guardare i cuccioli. Dopo l’incidente, la Provincia aveva deciso di catturarla. "In ottemperanza all’ordinanza che prevedeva la cattura dell’orsa Daniza, dopo quasi un mese di monitoraggio intensivo, la scorsa notte si sono create le condizioni per intervenire, in sicurezza, con la telenarcosi - scrive la Provincia -. L’intervento della squadra di cattura ha consentito di addormentare l’orsa, che tuttavia non è sopravvissuta". L’autopsia sull'animale è prevista in giornata. Daniza aveva 19 anni ed era arrivata in Trentino nel 2000 per un progetto di ripopolazione dell’area. Dopo aver appreso la notizia, le associazioni animaliste sono sul piede di guerra: "Con la morte dell'orsa Daniza lo schifo e la vergogna sono stati raggiunti. Contro la mamma orsa si è costruito un accanimento da parte delle istituzioni che hanno portato alla sua morte e per questi motivi ritengo che la procura, sulla base del nostro esposto già presentato, debba aprire immediatamente un'inchiesta penale", ha detto il co-portavoce nazionale dei Verdi, Angelo Bonelli, secondo cui l'orsa "è morta per mano delle istituzioni un'orsa che voleva difendere i propri cuccioli dal pericolo e ora anche i piccoli cuccioli sono in pericolo di vita senza la protezione della loro mamma. Chi doveva difendere l'orsa, ovvero il ministero dell'Ambiente ha assunto una posizione indecente e fuori dall'ordinamento giuridico italiano. I boschi non sono degli zoo e un bosco senza animali sarebbe come una città senza umani e da questi atti purtroppo e drammaticamente si misura anche il grado di non civiltà della nostra società". (Serena Marotta)

© Riproduzione Riservata.