BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

SANTO DEL GIORNO/ Il 16 settembre si celebra San Giovanni Crisostomo

(Infophoto) (Infophoto)

Questo diede vita ad una lotta piuttosto accesa per arrivare a prendere quel posto molto ambito. La decisione spettava all’Imperatore bizantino Arcadio che alla fine su consiglio di uno degli eunuchi di corte, optò per San Giovanni Crisostomo. La sua guida fu molto forte ed autoritaria, ponendosi in maniera ferma contro la corruzione e quanti non svolgevano in maniera consona il proprio ruolo religioso. Questo comportò la formazioni di molti nemici anche all’interno della corte dell’imperatore. Nonostante questo, la sua rettitudine fu vista molto bene anche dalla corte dell’imperatore che non tolse mai il proprio appoggio nei confronti di San Giovanni Crisostomo o quanto meno fino al momento in cui quest’ultimo rimproverò pubblicamente l’imperatrice Eudoxia per essersi impossessata degli averi appartenuti ad una vedova. Nel 402 tutti i nemici di San Giovanni Crisostomo ebbero modo di prendersi una rivincita, chiedendo aiuto al patriarca di Alessandria d’Egitto, Teofilo che arrivato a Costantinopoli insieme ad una ampia schiera di vescovi per sentire le giustificazioni di San Giovanni Crisostomo, mise in minoranza quest’ultimo. Questo costò la deposizione di San Giovanni Crisostomo e anche il suo esilio dall’Impero. Proprio durante l’esilio, nel 407, San Giovanni Crisostomo esalò il suo ultimo respiro e stando alla tradizione le sue ultime parole furono: gloria a Dio in tutte le cose. Nel 438 per espresso volere dell’imperatore Teodosio, le spoglie di San Giovanni Crisostomo vennero riportate a Costantinopoli per essere conservate nella Basilica dei Santi Apostoli. In seguito vennero portate a Roma per essere collocate nella Basilica Vaticana dove ancora oggi riposano nella pace eterna del Signore.

© Riproduzione Riservata.