BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Cronaca

MATRIMONIO/ La Cassazione: il marito è "mammone"? Le nozze sono da annullare

Il matrimonio con il marito “mammone” è nullo, e la moglie non può avere il mantenimento. È accaduto ad una coppia di Mantova. Lo ha deciso la Suprema Corte

foto: Infophotofoto: Infophoto

Il matrimonio con il marito “mammone” è nullo, e la moglie non può avere il mantenimento. È accaduto ad una coppia di Mantova e a stabilirlo è stata la Suprema Corte con la sentenza 19691 depositata oggi, che ha dato torto alla signora. Il matrimonio era stato celebrato nel 2007, mentre nel 2010 il Tribunale ecclesiastico ha giudicato nulle le nozze a causa di una "patologia produttiva dell'incapacità (del marito) ad assumere l'obbligo di quella minima integrazione psico-sessuale che il matrimonio richiede con la conseguenza di un comportamento anaffettivo e indifferente nei confronti della moglie”. La moglie si era opposta a questa decisione per ottenere un mantenimento da questo matrimonio beffa. Ma oggi la Corte ha dato torto alla donna, che sostiene che il matrimonio sia valido, adducendo nella sentenza che "in un caso come quello in esame in cui l'altro coniuge ha determinato con la sua incapacità derivante da una patologia psichica, la invalidità del matrimonio concordatario si pone, sia pure ex post, una questione di effettività e validità del consenso che prevale sulla tutela dell'affidamento riposto dal coniuge inconsapevole al momento della celebrazione del matrimonio". Insomma non esistono ostacoli per l’annullamento. Adesso la signora attende l’esito della causa intentata nei confronti del non ex marito davanti al Tribunale di Mantova per ottenere un risarcimento economico. (Serena Marotta)

© Riproduzione Riservata.