BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

PIETRO E ALESSANDRA/ Suicidio-omicidio, la follia non spiega un male così grande

Infophoto Infophoto

L'odio è soltanto espressione della follia? La maledizione con cui lo sigla, e lo tramanda al suo pubblico, nasce da qualche scena deviante di thriller, da qualche saga fumettistica noir, o è nata nella sua mente, covata giorno dopo giorno, cosciente e gelida? "Dubitate di quelli che ridono sempre e a volte non possono semplicemente fare altrimenti e nel frattempo perderanno l'anima". Sapevi Pietro, quel che hai scritto e pensato? Perché hai sempre sorriso, perché hai scelto la maschera farsesca che ti ha lentamente reso disumano, chi ti ha impedito di essere "altrimenti"? Quando parlavi di anima, Pietro, era un modo di dire? O temevi una dannazione, simile o peggiore di quella provata nella tua giovane vita. O L'hai cercata, consapevole dell'orrore di cui ti saresti macchiato. Chi non ti ha preso per mano, Pietro, chi non ti ha aiutato ad alzare lo sguardo, a addolcire il tuo cuore, a curarti. Chi volevi davvero, nel tuo disperato assurdo desiderio di amore. Se non è solo follia, Pietro, chi ti ha invece condotto per mano, condotto alla morte, e alla maledizione?

© Riproduzione Riservata.