BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SANTO DEL GIORNO/ Il 20 settembre si celebrano i Santi Martiri Coreani

Pubblicazione:sabato 20 settembre 2014

(Infophoto) (Infophoto)

All'interno di questo gruppo un posto particolare spetta ad Andrea Kim Taegon e Paolo Chong Hasang.  Andrea era nato nel 1821, in una famiglia cristiana di nobili origini. Il padre aveva addirittura trasformato la sua residenza in una sorta di piccola chiesa nella quale aveva riunito tutti coloro che intendevano abbracciare la fede. All'età di quindici anni fu invitato a Macao per ricevere il sacerdozio, ritornando nel 1844 dopo essere stato ordinato diacono al fine di organizzare l’entrata in Corea del vescovo Ferréol. Proprio mentre dava luogo a una missione per conto del vescovo, fu arrestato dalle autorità, rifiutando di rinnegare la propria fede nonostante le ripetute pressioni delle autorità locali. Alla fine venne decapitato, nel settembre del 1846, a Seul, primo sacerdote martirizzato nella storia della Corea. Paolo Chong Hasang era invece nato a Mahyan, nel 1795, in una famiglia che avrebbe dato altri martiri alla causa del cristianesimo. Il padre e il fratello, Agostino e Carlo, furono infatti uccisi nel 1801, mentre l'intera famiglia veniva imprigionata e privata dei beni, tanto da essere costretta ad appoggiarsi ad un parente prima di riparare a Seul, presso la fiorente comunità cristiana che si andava formando nella città. Da quel momento iniziò a fare la spola con la Cina, facendo da tramite per l'arrivo del sacerdote Yan e dei missionari francesi inviati nel paese per permettere l'organizzazione di comunità più salde. Il vescovo Imbert lo prese sotto la sua protezione, ma ben presto anche lui cadde sotto i colpi della repressione, venendo infine giustiziato nel settembre del 1839.



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.