BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

L'AQUILA/ Crolla il balcone di una casa per terremotati: cedimento strutturale

Pubblicazione:mercoledì 3 settembre 2014

foto: Infophoto foto: Infophoto

Tragedia sfiorata a Cese di Preturo, frazione de L'Aquila, per il crollo di un balcone posto al secondo piano di una palazzina costruita dopo il tragico terremoto del 2009. Sul posto l’intervento dei vigili del fuoco e della polizia municipale. L’edificio è stato dichiarato inagibile, e fortunatamente al momento del crollo non c'erano persone sul balcone crollato nè su quello del piano inferiore che è stato travolto. Il sindaco, Massimo Cialente, ha spiegato che è necessario verificare se c’è “un problema strutturale”. La palazzina fa parte delle 19 cosiddette “new town” che sono state costruite dopo il sisma di cinque anni fa, costituite da circa 4.500 alloggi che sono serviti ad ospitare 16mila aquilani rimasti senza una casa. A queste costruzioni vanno aggiunti anche gli sfollati che sono ancora residenti nei moduli abitativi provvisori (Map). Il forte terremoto provocò 309 vittime e 1.500 feriti nei 56 Comuni. L’allora governo Berlusconi riuscì a realizzare alloggi provvisori, terminati a ottobre del 2009, utilizzando fondi governativi per 700 milioni di euro, di cui 36 milioni da donazioni e 350 milioni dall’Unione europea.  (Serena Marotta)



© Riproduzione Riservata.