BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Cronaca

ABBANDONO DEL FIGLIO/ A una madre: "solo se siamo figli possiamo amare di nuovo"

InfophotoInfophoto

La nostra vita è fatta per Cristo e alle nostre spalle non sta l'ignoto di un grembo, ma il Mistero di Uno che ci ha semplicemente voluti. Io non so che cosa lei deciderà di fare, e non mi permetto di dirle ciò che è teoricamente giusto o sbagliato, io so solo che − se anche riabbracciasse suo figlio o io trovassi mia mamma − il mio e il suo cuore non smetterebbero mai di battere e di cercare. Perché ciò che cerchiamo non è sulla terra, ma in Cielo. 

Noi non abbiamo bisogno della compagnia degli amici, delle carezze dei genitori, dell'amore dei figli: noi abbiamo solo bisogno di un cenno del Cielo, del miracolo di Uno che non ci lasci soli, ma che continuamente ci venga a cercare. È questa la mancanza che sente il nostro cuore ed è questo che − dentro a tutto − non ci dà pace. Queste cose, mia cara signora, io le capisco ogni giorno tra le lacrime e tra i peccati. Eppure è strano perché, proprio grazie a tutto questo tormento, adesso mi guardo indietro e mi scopro lieto, grato alla mamma che mi ha fatto nascere e che non conosco, a quella che mi ha fatto crescere e che ad un certo punto si è ammalata e a quella che adesso mi custodisce e mi guarda diventare grande in silenzio. 

Io non so chi sia suo figlio e che cosa oggi egli pensi. Ma di una cosa sono certo: finché lei non avrà scoperto nel suo cuore di chi è figlia non potrà mai guardarlo negli occhi e amarlo davvero. Perché avrà sempre la tentazione di pensare che quel ragazzotto mulatto sia suo, mentre invece lui − come tutti i figli − è stato solo un dono. Che per altro lei ha custodito benissimo.

La abbraccio forte cara mamma,
Con affetto e amicizia.

© Riproduzione Riservata.

COMMENTI
07/09/2014 - Grazie (luisella martin)

Grazie per questo articolo che mi ha commosso e riempito di gioia per la fede che lo anima.