BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

VIA IL LAVORO DALLE CARCERI?/ Coletta: il governo toglie dignità a quegli uomini

Pubblicazione:domenica 11 gennaio 2015

Infophoto Infophoto

Per dieci anni un progetto realizzato da cooperative sociali ha dato lavoro ai detenuti in dieci carceri italiane. Un’opportunità importante per rieducare e riscattare chi si è macchiato di crimini anche gravi, restituendo loro la dignità e la possibilità di guadagnare uno stipendio in modo onesto, spesso per la prima volta nella vita. L’affidamento del servizio è scaduto a fine 2014, e per ora il ministero della Giustizia dopo lunghi silenzi immotivati ha deciso di prorogarlo solo fino al 15 gennaio 2015, poi non si sa. Come ha scritto Luigi Ferrarella, cronista giudiziario del Corriere della Sera, dietro questa strana vicenda c’è “lo scandalo delle coop sociali di Roma fatto pagare ai detenuti che lavorano”. Ne abbiamo parlato con Margherita Coletta, vedova del brigadiere Giuseppe Coletta, ucciso nella strage di Nassiriya. La signora Coletta ha conosciuto le cooperative che danno lavoro ai carcerati attraverso le attività della sua associazione che si occupa dei bambini nel Burkina Faso.

 

C’è un nesso tra lo scandalo delle coop sociali di Roma e il fatto che il ministero abbia scelto di non prorogare il progetto per dare lavoro ai carcerati?

E’ sbagliato fare di tutta l’erba un fascio, penalizzando chi aiuta le persone a riacquistare dignità. Io ho avuto personalmente a che fare con la cooperativa Giotto che lavora nel carcere di Padova. Noi abbiamo un’associazione no profit e grazie all’aiuto dei carcerati e dei loro panettoni, riusciamo a mantenere i bambini in Burkina Faso. Già questo basterebbe per dire l’utilità e l’importanza delle cooperative che danno lavoro ai carcerati.

 

Qual è la logica dietro la decisione delle autorità di non prorogare il progetto?

Non riesco a comprendere perché si cerchi sempre di distruggere l’opera di chi sta cercando di costruire qualcosa di buono per tutti. E soprattutto non mi piace il metodo dei silenzi e delle mezze verità. Se il ministero della Giustizia ha delle riserve, lo dica chiaramente spiegando perché.

 

Le cooperative dovrebbero poter continuare a essere attive in carcere?

Sì. Anche un solo detenuto che lavora nel carcere grazie alle cooperative riesce a mantenere la sua famiglia. E’ quindi tutto un beneficio, non c’è nulla che va a pesare sullo Stato. Il fatto che il ministero della Giustizia si rifiuti di rinnovare l’affidamento del servizio significa che invece di edificare si vuole distruggere, rinunciando a incentivare questi ragazzi che hanno già acquistato dignità e che si sentono utili alla società. E’ proprio quest’ultimo il compito che le carceri dovrebbero svolgere. Non riesco quindi a comprendere questi tagli senza alcun senso, tanto più che in passato lo Stato non ha elargito fondi ma si è limitato ad affidare lo svolgimento di servizi. In questo modo si penalizza chi lavora rispetto agli altri che rubano.

 

Qual è stata la sua esperienza a contatto con queste realtà?


  PAG. SUCC. >