BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Cronaca

VIA IL LAVORO DALLE CARCERI?/ Gemma Calabresi: i politici ascoltino Francesco

InfophotoInfophoto

Ero stata invitata nel carcere perché quel giorno tre persone avevano fatto la scelta di aderire alla fede cattolica, e quindi si festeggiava. Uno riceveva il sacramento del battesimo, uno della comunione e uno della cresima. Quello che ho scoperto in quell’occasione mi ha veramente cambiato la vita.

 

Perché?

Ho capito che l’incontro che io ho fatto con Dio, lo stavano facendo anche i detenuti. Nel 1972, dopo che mi diedero la notizia che mio marito era stato ucciso, sentii la forte presenza di Qualcuno che veniva in mio aiuto. Per assurdo in quel momento avvertii un’enorme pace interiore, una forza enorme dentro di me e sentii che non ero sola. Ed è così che ho ricevuto il dono della fede da parte di Dio stesso.

 

Che cosa è cambiato in lei da quel momento?

Da allora ho sempre pensato che Dio aiuta le vittime, le persone che hanno subito un’ingiustizia e che vivono una grande sofferenza. Ma non mi era mai venuto in mente che Dio aiuta anche coloro che questa l’hanno provocata. Visitando il carcere di Padova mi si è aperto un mondo.

 

In che senso?

Queste due persone con cui ho parlato a lungo, e che erano lì perché giudicate colpevoli di omicidio, mi hanno raccontato il loro incontro con Dio descrivendo esattamente le stesse sensazioni provate da me il 17 maggio 1972 quando mi hanno detto della morte di mio marito. È stata un’impressione incredibile. Ecco perché oggi mi sento molto in sintonia con Papa Francesco, quando invita a pregare per i terroristi francesi. La gente è rimasta un po’ stupita, mentre bisogna pregare lo Spirito Santo perché illumini anche chi ha ucciso e faccia capire loro l’errore enorme di uccidere delle persone.

 

(Pietro Vernizzi)

© Riproduzione Riservata.