BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

BELGIO/ Sbai: Isis e Al Qaeda si sfidano per prendere il posto dei Fratelli musulmani

Pubblicazione:domenica 18 gennaio 2015 - Ultimo aggiornamento:domenica 18 gennaio 2015, 17.01

Immagine dal web Immagine dal web

Dalla Francia al Belgio il passo è stato breve, ma porta con sé tante differenze che è bene sottolineare. Prima, però, una parola sull'Italia. Confusione totale, assoluta e difficile da diradare in un Paese che fino a ieri non ha voluto sentir parlare di jihadismo legato all'estremismo. E nel quale gli esperti di geopolitica nostrani hanno avuto la faccia di bronzo di parlare di "rivoluzioni di libertà" relativamente alle primavere arabe, che avevano messo al potere proprio le élites di quell'estremismo di cui oggi vediamo le propaggini armate, perfettamente infiltrate nella società europea. 

Al Qaeda, Isis, Al Nusra sono nomi che irrompono come uno tsunami in un dibattito pubblico totalmente digiuno di qualsiasi conoscenza del fenomeno jihadista e terrorista nel mondo, figuriamoci in Europa, a due passi da casa nostra, ed è perfettamente comprensibile (ma totalmente inaccettabile) che non si distingua l'uno dall'altro quando colpiscono. Uno degli effetti collaterali delle stragi di Parigi è stato proprio quello di evidenziare l'inadeguatezza dell'occidente di fronte ad un fenomeno che non conosce perché sottovalutato dalle élites intellettuali, spesso animate da ragioni che con l'onestà intellettuale hanno davvero poco a che fare. 

Isis e Al Qaeda coesistono in Europa ma non sono la stessa cosa. A Parigi, in due attentati diversi, si sono già evidenziate strategie e due modi d'azione differenti: i fratelli Kouachi hanno operato più come miliziani addestrati, in possesso di armi di alto livello e capaci di tenere in scacco le forze speciali francesi per quasi tre giorni, potendo fare affidamento con ogni probabilità su una vasta rete di contatti e appoggi. In pieno stile qaedista. Koulibaly invece, nonostante siano stati uccisi due presunti complici, è apparso più come un singolo che ha deciso di aderire all'Isis scegliendo, al contempo, di organizzarsi in maniera piuttosto macchinosa (ad esempio l'esser costretto a prendere un prestito in banca per acquistare delle armi). Nessuna rete strutturata dietro alla sua azione, ma più verosimilmente alcune persone a lui vicine che hanno partecipato all'organizzazione dell'attacco, come la compagna Hayat Boumedienne fuggita nel frattempo in Siria. Isis e Al Qaeda hanno entrambe rivendicato gli attentati, tentando con tutta evidenza di "marcare" il territorio. 

La situazione del Belgio è differente da quella della Francia, a partire dalla organizzazione che a Bruxelles e dintorni le organizzazioni terroristiche da anni ormai si sono date. Il Belgio è a tutti gli effetti il paradiso degli jihadisti europei, capaci di prendere letteralmente possesso, in virtù di un esasperato multiculturalismo e permissivismo, di interi quartieri in cui vige la sharia più radicale e operano tribunali sharitici, le famigerate sharia courts, vere e proprie istituzioni giudiziarie parallele che nessuno mai si è sognato di smantellare per ripristinare un simulacro di stato di diritto. 


  PAG. SUCC. >

COMMENTI
18/01/2015 - Articoli preziosi per comprendere bene (Giuseppe Crippa)

Trovo questi articoli della signora Sbai sempre più interessanti – ed ovviamente attualissimi! – e davvero preziosi per cercare di comprendere le articolazioni ed i modi di pensare delle aggregazioni che fanno parte della galassia islamica, che nel suo articolo, faccio notare, non viene mai definita “fondamentalista” perché è nella natura dell’islam, purtroppo, perseguire un’espansione senza limiti e senza remore quanto ai mezzi per ottenerla.