BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

VIRUS EBOLA/ Medico malato: Fabrizio Pulvirenti è stato dimesso, il suo ringraziamento ai medici dello Spallanzani

Potrebbe essere dimesso già oggi ilmedico di Emergency che aveva sviluppato il virus dell'Ebola in Sierra Leone: sconfitta la malattia grazie a cure sperimentali

Immagine di archivio Immagine di archivio

DIMESSO IL MEDICO DI EMERGENCY COLPITO DAL VIRUS EBOLA - Come annunciato, è stato dimesso il medico di Emrgency che era stato colpito dal virus dell'Ebola in Africa. E per  la prima volta viene anche rivelata la sua identità fino a oggi tenuta segreta. Si chiama Fabrizio Pulvirenti ed ha 50 anni. L'uomo ha anche preso parte alla conferenza stampa con cui i medici dell'istituto Spallanzani hanno annunciato ufficialmente la sua guarigione. Pulvirenti ha ringraziato chi lo ha curato, aggiungendo: "Nei primi giorni ho cercato di analizzare in modo scientifico tutti i sintomi poi non ce l'ho più fatta, si è spenta la luce della coscienza e c'è stato un buco di circa due settimane: il medico ha lasciato il posto al paziente". Durante la conferenza stampa è intervenuto via Skype anche Gino Strada fondatore di Emregency.

DIMESSO IL MEDICO DI EMERGENCY COLPITO DAL VIRUS EBOLA - Dopo molta apprensione e paura e un ricovero durato circa un mese, il medico di Emergency ricoverato all'istituto Spallanzani di Roma potrebbe essere dimesso già oggi. E' dunque ufficialmente guarito: nelle scorse settimane si era addirittura temuto per la sua vita, dopo un forte peggioramento, ma adesso l'incubo sembra finito. Era il 25 novembre quando l'uomo, tornato dopo un periodo di lavoro dalla Sierra Leone, il paese africano più colpito dal virus, era stato portato d'urgenza allo Spallanzani. Adesso grazie a una serie di cure sperimentali compreso plasma di pazienti guariti da Ebola, e la collaborazione internazionale, la malattia è stata sconfitta. Le cure sperimentali di fatto sonol'unico modo di affrontare il virus in quanto non è ancora stata sviluppata alcuna cura ufficiale per tutti. 

© Riproduzione Riservata.