BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Cronaca

COSTA CONCORDIA/ Schettino: l'accusa chiede 26 anni e tre mesi di carcere

L'accusa ha chiesto ventisei anni di carcere per Francesco Schettino comandante della Costa Concordia la nave naufragata nel gennaio del 2012, ecco di cosa si tratta

Foto InfoPhotoFoto InfoPhoto

Dio lo perdoni, noi non possiamo: drammatiche parole con cui si è conclusa la requisitoria dell'accusa contro Francesco Schettino. Sono stati chiesti 26 anni e tre mesi di carcere per il comandante della Costa Concordia giudicato colpevole del tragico incidente che costò la morte a 32 persone. L'accusa ha così motivato la richiesta: nove anni per naufragio colposo, 14 per omicidio colposo e tre per abbandono della nave. Pene accessorie: custodia cautelare in carcere per evitare la fuga e ritiro del libretto di navigazione. Secondo il pubblico ministero infatti il comandante ha una casa in Svizzera e molte amicizie all'estero di cui potrebbe approfittare. Ecco un passaggio della requisitoria: "Quella di Schettino è stata una colpa cosciente. Si può dire che il comandante abbia cumulato in sé la figura dell'incauto ottimista e quella dell'abile idiota, producendo quella dell'incauto idiota". Quelle di Schettino, ha detto, sono state condotte criminose in special modo riguardo la mancata emergenza e l'abbandono della nave. "Il dovere di abbandonare per ultimo la nave  da parte del comandante non è solo un obbligo dettato dall'antica arte marinaresca, ma è un dovere giuridico che ha la sua fondatezza nel ridurre al minimo i danni alle persone" ha detto ancora. In sostanza, è stato detto, Schettino non si è prodigato in mare ma è rimasto sugli scogli a guardare la nave che affondava. 

© Riproduzione Riservata.