BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

IL CASO/ "Diritto all'aborto"? Non esiste, ma l'Europa tenta il blitz

Pubblicazione:

Infophoto  Infophoto

Ma i due terzi della Commissione sui diritti della donna del Parlamento europeo il 20 gennaio hanno comunque adottato la relazione sulla parità tra donne e uomini nell'Unione europea nel 2013, e quindi anche questo specifico intervento. Non che questo mi sorprenda: siamo abituati — ma non rassegnati — a vedere che su certi temi la voce dei cittadini non viene ascoltata, e che le élites intellettuali, politiche, economiche ed amministrative dei grandi organi europei se ne infischiano del parere dei cittadini. Così è stato anche per la grande iniziativa popolare di "Uno di noi", che ha portato alle istituzioni europee quasi due milioni di firme che chiedevano un atto di tutela della dignità dell'embrione, contro ogni sua manipolazione. Anche in quel caso la risposta è stata: ci pensiamo noi, il vostro punto di vista non ci interessa.

A questo punto ci rivolgiamo direttamente agli europarlamentari che rappresentano il nostro Paese, chiedendo loro di far rispettare davvero le regole europee, che fissano a livello nazionale la titolarità della regolazione giuridica dell'aborto, difendendo così la sovranità popolare del nostro Paese. Non ci piace l'Europa in cui pochi pensano di decidere arbitrariamente sulla pelle dei molti, perché hanno posizioni di potere, dimenticando che questo potere è stato loro affidato temporaneamente dalla volontà popolare. Vogliamo un'Europa plurale, dei popoli, che rispetti le diverse identità e i valori della gente. E la domanda si fa ancora più stringente per i membri italiani del gruppo politico di riferimento dell'europarlamentare Tarabella, il gruppo socialista, perché serve capire se anche loro considerano l'aborto un — per me falso — nuovo "diritto" a favore della donna, anziché un vero e proprio dramma, da evitare il più possibile come peraltro chiede proprio la nostra legge 194, che, ripeto, non condivido, ma che nella Prima Parte contiene molte indicazioni di tutela della donna e del nascituro, proprio ad esplicita prevenzione dell'interruzione volontaria di gravidanza. Ma è proprio la parte delle legge più disattesa.

Intanto, oltre che a farsi sentire con i politici europei, le nostre associazioni continueranno quell'oscuro e prezioso lavoro di ascolto di migliaia di donne e di coppie in difficoltà davanti alla gravidanza, per non lasciarle sole, e per consentire loro non un falso diritto ad interrompere la vita che portano in grembo, ma per aiutarle a sperimentare la gioia della maternità e l'entusiasmante esperienza del mettere al mondo una nuova vita. Senza lasciarle sole, offrendo loro un sostegno concreto per poter riscuotere un diritto — questo sì pienamente legittimo — di generare.

< br/>
© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.