BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

OSTIE RUBATE/ Caltagirone, furto nella Chiesa della Sacra Famiglia. Il vescovo: fatto grave

Pubblicazione:

foto:Infophoto  foto:Infophoto

“Proviamo molta pena per le loro anime”, così hanno detto don Antonio Carcanella e il vicario, don Jonathan Astuto, commentando il gesto di ignoti che hanno sottratto a Caltagirone (Catania), nella Chiesa della Sacra Famiglia, alcune ostie consacrate. A rendere noto l’accaduto, avvenuto lunedì notte, è stata la Diocesi. Sul posto sono intervenute le forze dell’ordine per gli accertamenti del caso. «È un fatto grave che scuote l’intera comunità ecclesiale e cittadina Invito i fedeli a stringersi in preghiera, attorno a me, alla comunità parrocchiale e ai sacerdoti, affinché simili atti non ci lascino smarriti, ma ci spronino, ancora di più, a rivolgere il nostro sguardo verso Gesù Eucaristia centro vitale della comunità, nutrimento dei fedeli, presenza di Dio che si dona ai noi per aprire la nostra esistenza a Lui», ha detto il vescovo, Monsignor Calogero Peri. Intanto domani, giovedì 29 gennaio, alle 18, nella parrocchia della Sacra Famiglia sarà celebrata una messa di riparazione con adorazione eucaristica dal vescovo, con la partecipazione dei sacerdoti di Caltagirone. «L’Eucaristia - ha aggiunto il vescovo - sostiene e trasforma l’intera vita quotidiano. Non c’è nulla di autenticamente umano che non trovi nell’Eucaristia il compimento e la pienezza. Con questo atto i responsabili hanno voluto negare non solo questa logica, ma la logica stessa dell’amore che si fa comunione, condivisione, reciprocità, corresponsabilità, dono. Prego pertanto per loro affinché possano presto ravvedersi e non si rendano responsabili di ulteriori gravi azioni». «Ci hanno rubato - hanno detto il parroco don Antonio Carcanella e il vicario don Jonathan Astuto - quel che di più sacro abbiamo. Insieme ai sacerdoti e alla comunità credente vogliamo rispondere in modo unitario, come Chiesa, dicendo ai responsabili che l’odio, la rabbia, la furia che hanno espresso con questo gesto non sono la via per rispondere alle loro domande. Quella è una via di morte. Nell’Eucaristia c’è la via della vita e della verità. Proviamo molta pena per le loro anime. Riportino nelle nostre mani la SS. ma Eucaristia». (Serena Marotta)



© Riproduzione Riservata.