BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Cronaca

SFIDE/ "Avere cura di sé (e degli altri)", Alex Zanardi e la noia quotidiana

InfophotoInfophoto

Ecco perché ho trovato una singolare coincidenza di significato tra quanto affermava Alessandro Zanardi e il bel libro, intitolato "Avrò cura di te" scritto a quattro mani da Massimo Gramellini, vicedirettore del quotidiano La Stampa, e Chiara Gamberale, autrice e conduttrice di programmi radiofonici e televisivi. Ci sono tantissimi passaggi interessanti nel testo, ma due sono emersi con la stessa efficacia della frase di Alex: "Affronta la vita, invece di cercare scampo in un altrove ingannevole" e "Si completa con gli altri  solo chi sa badare a se stesso". La prima delle due affermazioni è perfettamente sovrapponibile a quella di Zanardi, o meglio ne rappresenta un ideale completamento, la seconda ne è il corollario. La frase completa suonerebbe così: "affronta la vita, invece di cercare scampo in un altrove ingannevole e (sappi che, ndr) se smetti di essere curioso non fai altro che sottometterti al ritmo che la vita impone. (Inoltre non dimenticare mai che, ndr) si completa con gli altri solo chi sa badare a se stesso". 

Da quando sono apparse nella mia vita, continuano a ritornarmi in mente. E non sono il solo. Le ho twittate e il numero di persone le hanno riprese, ritwittate e che hanno cominciato a seguirmi dopo che le ho scritte sono state diverse. Segno che colpiscono. Segno che ci sono ancora individui e storie capaci di sorprenderci o di farci fermare a pensare che, parafrasando il libro, dobbiamo avere cura di noi. E degli altri.

© Riproduzione Riservata.