BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

HALLOWEEN/ Ecco perché i cristiani non devono averne paura

Infophoto Infophoto

Se tua figlia quindi si veste da streghetta, ricorda che tutto ciò che è umano è cristiano e viceversa. Che è giusto sforzarsi di ripulire Halloween dagli aspetti commerciali e che però è bello farlo parlando dei nostri defunti a partire dal modo semplicemente umano di parlare dei nostri cari morti. E si può farlo benissimo mentre mascheriamo uno dei nostri figli con la zucca. 

Certo, la festa si è imbastardita e imbruttita con una visione della morte più truculenta e demoniaca che cristiana. Certo, nel tempo si è persa la dimensione familiare, di attesa, di custodia, degli affetti, ed è diventata consumistica. Ma, dai, forza, facciamo i cristiani. Quelli che hanno fatto diventare Natale, la festa del Dio Sole. Se vogliamo che le cose cambino in meglio o che tornino all'originaria bellezza, la strategia migliore è riempirle di nuovo buon senso e di nuova bellezza. Un bambino mascherato che chiede dolcetti è buono e bello, non bisogna farlo piangere. Altrimenti quando sarà grande darà la colpa non alle streghette ma a "Ogni Santi". Una famiglia che fa festa in casa e apre la porta blindata per donare caramelle è buona e bella. 

E i giovani e le messe nere? Il demonio, come dicevo, opera sempre e sempre ci attende nelle nostre debolezze e fragilità e nei nostri dubbi. Sempre. Non aspetta il 31 ottobre. Invece non può nulla quando siamo forti di felicità ed è disarmato di fronte ad una festa. La zucca mascherata al supermercato può essere come l'aglio per i vampiri: tenere lontano ciò che di brutto è stato messo in Halloween. 

Ripartiamo dal parlare dei nostri morti. Ripartiamo dalle nostre porte blindate e chiuse. Ripartiamo dai nostri giovani. Ripartiamo.

© Riproduzione Riservata.

COMMENTI
01/11/2015 - Halloween ieri e oggi (fabio sansonna)

La Halloween attuale delle discoteche e dei supermercati, non è la Halloween cristiana irlandese dei secoli passati. E' solo la ridicolizzazione di quella antica festa cristiana, compiuta dai puritani, oscillante tra il paganeggiante e il satanico. Franco Cardini ha ragione. Padre Amorth ha ragione. Altrimenti anche le messe nere hanno lontane origini cristiane, anche i riti massonici, e ...allora?

RISPOSTA:

Fabio, metto da parte l'aspetto polemico del tuo scritto (anche le messe nere hanno radici cristiane...) e dico solo questo: visto che la festa di Halloween c'è, facciamola tornare alla sua etimologia: Ogni santi. Grazie. ML

 
31/10/2015 - Halloween era il 13 maggio (fabio sansonna)

Nel Medioevo la festa di Ognissanti, Halloween, era il 13 maggio. Visto che i pagani facevano le loro cose al 31 ottobre, la festa come a noi viene presentata è quella pagana, perché la Halloween cristiana si svolge nelle chiese alla mattina di Ognissanti, e nelle visite al cimitero il 2 novembre. Anziché Halloween come è adesso, che più che paura fa schifo, sarebbe più logico per noi italiani la sera mettersi attorno al caminetto con le caldarroste e leggere la poesia 'A livella di Totò, che parla appunto del 2 novembre ..con una saggezza popolare non squisitamente cristiana, ...ma meglio di Halloween è certamente ...

 
31/10/2015 - i cristiani cambiano le feste dei pagani (fabio sansonna)

Ma se i cristiani sono capaci di cambiare in positivo le cose del passato che sembrano vecchie e ammuffite allora dovrebbero essere capaci anche di riscoprir le loro proprie tradizioni invece di aver paura di sembrare dei clown. Quel che conta è la scintilla che uno ha dentro non la forma. Leggendo Carron nella seconda parte della giornata di inizio d'anno ho capito che non serve cambiare forme, come pensavo leggendo la prima parte, ma iniettare le forme, nuove o antiche che siano, di una scintilla di vita. Uno potrebbe anche riscoprire la bellezza dell'antica Messa in latino e non passare per clown, se ha dentro la scintilla. Uno potrebbe fare le Tende AVSI di Natale e la Colletta Alimentare e andare alla SdC di Carron, ma sembrerà solo un clown se non ha dentro la scintilla di cui parla Carron.

 
31/10/2015 - Veramente un bellissimo articolo (Marilena Ferregni)

Come hai ragione don Mauro, i cristiani non dovrebbero demonizzare feste innocue; ci sarebbero ben altre cose di cui dovrebbero temere reali e da paura; come i vari conflitti nel mondo e la violenza dilagante dovunque. I satanisti non hanno bisogno di attendere halloween per i loro macrabi riti; come hai ben detto ci sono feste cristiane che potrebbero scegliere benissimo. Perché i cristiani dobbiamo sempre vedere il male in una festa che invece insegna ai piccoli a non temere la morte? sappiamo che il diavolo ed il male sono stati vinti da Gesu ed allora? Penso che come cristiani dovremmo più essere contrari all albero di Natale che non viene fatto in un periodo di festa cristiana che con Halloween una festa non cattolica ormai che cade un giorno prima dei santi; non in un giorno di festa cristiana. Apriamo ai bimbi che busseranno per i dolcetti stasera.