BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

8 PER MILLE/ Gli italiani lo danno alla Chiesa cattolica, ma ai giudici non piace…

Pubblicazione:

Infophoto  Infophoto

"Le somme sono destinate a finalità diverse, anche antitetiche alla volontà dei contribuenti". Ah sì, come lo sapete? E' possibile che qualcuno non voglia finanziare religiosi che non rispondono alla più limpida testimonianza evangelica. Io non vorrei finanziare la corruzione o l'insipienza di chi mi governa, e lo faccio col 50% di quanto il datore di lavoro elargisce per il mio stipendio. O forse i contribuenti si indispettiscono, nel vedere che la Chiesa spende per darsi da fare, ad esempio, nell'aiuto alla vita, si adopera perché non si sfascino le famiglie, ci sia libertà di educazione per i propri figli. Chi la pensa così, in genera non firma l'8 per mille, e chi non condivide il cuore del cristianesimo ha tutto il diritto a destinare l'8 per mille allo Stato. Che può utilizzarlo per il  restauro di monumenti prestigiosi, come fa di solito, alla tutela dei parchi o delle specie animali protette, alla manutenzione delle strutture pubbliche, delle opere civili, eccetera eccetera. Però, si lamenta la Corte, lo Stato dimostra scarso interesse per le quote di propria competenza, non promuove i propri progetti, non li pubblicizza. Che modestia. O la si dovrebbe chiamare vergogna, nel tentare di spillare altri soldi perduti?



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.  


COMMENTI
05/11/2015 - il rapporto tra Corte dei Conti e la legge (umberto persegati)

Non è detto in quale sede, se consultiva o giurisdizionale, la Corte dei Conti abbia manifestato l'orientamento criticato dal commento. Se in quella consultiva passi, se in sede giurisdizionale la Corte è andata fuori tema, come a volte capita, e squalifica l'organo che l'ha pronunciata.

 
03/11/2015 - Ora e sempre W la Chiesa, quanto la amo! (claudia mazzola)

Bravissima Monica Mondo!

 
03/11/2015 - destinazione 8 per mille (Maria Elena Petrazzini)

Non si capisce questo accanimento: di fatto quegli importi sarebbero comunque pagati dai contribuenti, che LIBERAMENTE li possono destinare a chi vogliono. Ma a chi rode che la Chiesa usi quei fondi per opere di bene e che così in tanti diano fiducia alla Chiesa Cattolica, ecco che cercano tutte le scuse per impedire che le persone destinino il loro 8 x mille delle tasse proprio alla Chiesa Cattolica. Fanno solo vergognare le loro assurde lamentele o contestazioni: che si occupino dell'uso fatto dei vari fondi stanziati e dati alle istituzioni. Che verifichino bene che fine fanno: se a chi sono destinati veramente o nelle tasche di qualche furbetto... Grazie! Mariele

 
03/11/2015 - Bravi! (Luigi PATRINI)

Questo articolo mandatelo per iscritto a tutti i Parlamentari, ai Ministri, a Renzi, ai Direttori dei Giornali e all'Arcigay. Mandatelo con Ricevuta di ritorno!