BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Cronaca

ITINERARI/ Cinquanta sfumature di… Verdi e Guareschi: arte e bellezza da scoprire

Itinerari poco conosciuti ricchi di bellezze artistiche, gastronomiche e culturali: è la proposta Cinquanta sfumature di Verdi, che tocca anche il mondo di Guareschi. EGIDIO BANDINI

La cucina del Castello San PietroLa cucina del Castello San Pietro

Una proposta nuova, dedicata a chi vuol bene a sé stesso ma, allo stesso tempo, desidera scoprire luoghi suggestivi, capaci di emozionare e di soddisfare i cinque sensi. Luoghi magari poco conosciuti e, proprio per questo, più attraenti, capaci di sorprendere per la loro “magia”: per le atmosfere, i profumi, i sapori, i suoni, l’arte, la natura, magari solo la semplicità. 

Tutto questo è “Cinquanta sfumature di… Verdi”, il programma avviato dai Grand Hotel Porro e Valentini di Salsomaggiore Terme, progettato dal responsabile promozione del termalismo, del benessere e del territorio Giovanni Bandini e rivolto, non solo ai clienti lungo tutto il corso dell’anno, ma anche a chi, magari proprio in occasione delle imminenti festività, voglia trascorrere una vacanza diversa: fra benessere, musica, natura, arte ed enogastronomia d’eccellenza. L’idea nasce dalla realizzazione di una serie di itinerari che, partendo dai grandi alberghi salsesi, si snodano attraverso le terre di Giuseppe Verdi e Giovannino Guareschi, fra castelli, musei, templi delle tipicità, capolavori d’arte, ambiente e suggestioni esclusive, abbinati al benessere e alla cura di sé stessi, il punto di forza di Salsomaggiore.

«La nostra proposta – dice Marcella Andreoli, ceo di Accenotur, la società che gestisce gli Hotel Porro e Valentini – è rivolta a tutti coloro che desiderino conoscere, non solo l’ospitalità dei nostri hotel, la SPA del Grand Hotel Porro e le Terme del Valentini, ma anche il territorio che ci circonda.» 

Ad illustrare le caratteristiche peculiari delle “Cinquanta sfumature di… Verdi” è il responsabile, Giovanni Bandini: «La promozione dei luoghi legati a personaggi di fama mondiale, come Giuseppe Verdi e Giovannino Guareschi, territori facilmente raggiungibili da Salsomaggiore, va incontro – dice Bandini – alle sempre diverse richieste di un turismo nuovo, moderno: alla ricerca delle emozioni e della scoperta di luoghi quasi sconosciuti, ma di incredibile fascino e certamente caratterizzati da molteplici attrattive di assoluta qualità. Per noi, la proposta dei numerosi “viaggi” alla scoperta di Verdi e Guareschi, in una dimensione intima e certamente non scontata, rappresenta non già il traguardo di un percorso che si è andato snodando dal 2001, centenario della morte di Verdi, per giungere al bicentenario del 2013, bensì il punto di partenza di una innovativa proposta per la valorizzazione delle tante unicità di una terra fra le più ricche d’Italia, sotto il profilo artistico, ambientale, enogastronomico e dell’ospitalità d’eccellenza. 

«Grazie al nutritissimo “carnet” degli itinerari di “Cinquanta sfumature di… Verdi” conclude Bandini - i singoli clienti dei nostri hotel, così come i gruppi o le famiglie potranno, non solo usufruire di una o più delle nostre proposte, ma addirittura “creare” itinerari personalizzati, praticamente “cuciti su misura” in base alle proprie esigenze.» La promozione del programma “Cinquanta sfumature di… Verdi” è iniziata con un educ-tour, riservato ai giornalisti, che si è svolto lungo un fine settimana, partendo da una visita al Museo del Violino di Cremona, ambiente unico al mondo, che conserva e mette a disposizione del pubblico la straordinaria collezione degli strumenti ad arco più preziosi di tutti i tempi, costruiti nella città che, per la liuteria appunto, è diventata “Patrimonio dell’umanità”. E non basta, perché al termine della visita, nell’Auditorium del Museo, c’è stata la possibilità di assistere all’audizione di uno dei tesori firmati Stradivari, Amati o Guarneri del Gesù, custoditi nel palazzo di Piazza Marconi.